In Calabria le temperature più basse d’Italia: piogge a Catanzaro e Lamezia, al Sud è ancora inverno

MeteoWeb

Oggi in Calabria le temperature più basse d’Italia: piogge sparse su gran parte della Regione mentre altrove splende il sole

catanzaro-03

Mentre al centro/nord esplode la Primavera, al Sud è ancora inverno e soprattutto in Calabria dove il clima oggi è rimasto umido, piovoso e uggioso. A Catanzaro piove e fa freddo: 5mm accumulati in città, temperatura massima di +14°C in tarda mattinata, poi +11°C per tutto il resto della giornata dopo una minima mattutina di +9°C. Freddo anche a Vibo Valentia dove non ha piovuto ma la temperatura massima s’è fermata a +14°C in tarda mattinata per poi assestarsi a +11°C nel corso del pomeriggio, dopo una minima mattutina di appena +6°C. A Nicastro (Lamezia Terme) sono caduti 4mm di pioggia, la temperatura è rimasta tutto il giorno intorno ai +9°C dopo una minima di +6°C stamattina e una massima che soltanto per pochi minuti tra le 12 e le 13 ha raggiunto i +13°C.

videoPioggia anche ad Amantea (3mm) in riva al mar Tirreno dove la temperatura massima non ha superato i +12°C dopo una minima di +8°C all’alba. Pioggia anche a Paola (4mm) con temperatura minima di +9°C e massima di +13°C. A Cosenza deboli piovaschi, temperatura minima di +7°C e massima di +16°C. Nelle zone tirreniche della provincia di Cosenza le precipitazioni più significative del giorno, seppur modeste, con 7mm a Cetraro Terravecchia e Papasidero e 5mm a Montalto Uffugo e Domanico. Molte nubi anche a Reggio Calabria, in riva allo Stretto, con una temperatura minima di +11°C all’alba quando il cielo era completamente sereno e una punta massima vicinissima ai +20°C nelle ore centrali della giornata.

Clima umido e uggioso anche in Aspromonte: i corsi d’acqua del reggino sono ancora tutti ingrossati dopo le piogge eccezionali dei giorni scorsi, ma da domani le condizioni meteo miglioreranno ulteriormente con schiarite più ampie e temperature in aumento. In settimana anche in Calabria arriverà la Primavera, in attesa del brusco peggioramento di Pasqua e Pasquetta.