L’eclissi solare ha creato uno straordinario crepuscolo in pieno giorno: stormi di uccelli disorientati sono andati a sbattere contro gli alberi

MeteoWeb

Nel Regno Unito spettacolo straordinario per l’eclissi quasi totale: il riepilogo dalle isole britanniche

crepuscoloL’eclissi solare parziale ha lasciato il Regno Unito in una sorta di crepuscolo proprio nel bel mezzo dell’orario di punta della mattinata, non appena la luna è scivolata davanti al sole, oscurandolo per quasi il 97%. Mentre alcuni erano impegnati a vivere un’esperienza indimenticabile, che non si ripeterà per i prossimi 11 anni,  l’eccitazione pre-Eclissi si è presto “eclissata” in molte zone del Paese a causa delle nuvole, che hanno coperto quasi totalmente il cielo. Il Galles è stata una delle zone migliori per l’osservazione del fenomeno: un sole scintillante in un cielo azzurro che poi si è trasformato in un anello argentato.

Lapresse / I-Images
Lapresse / I-Images

Buona visibilità si è avuta anche ad est del paese e nelle Midlands, ed anche nella zona est della Scozia intorno ad Edimburgo. Alcuni osservatori sono stati molto fortunati visto che hanno potuto godere dell’ombra totale, visibile nel Nord Atlantico, tanto che sono state organizzate delle spedizioni proprio in occasione dell’Eclissi. Fra questi, anche Robin Scagell, vice presidente della Society for popular Astronomy (SPA), che è salito a bordo del P&O cruse Oriana, diretto verso le Isole Faroe. Ha testimoniato la fantastica vista della luccicante corona di sole che spuntava dal disco scuro della luna, e le fiammeggianti eruzioni che si diramavano nello spazio. Nel Sud del Gloucestershire, un astronomo dilettante, Ralph Wilkins ha descritto l’evento al quale ha assistito come una misteriosa emozione, che è calata non appena l’atmosfera è diventata scura e l’ombra ha avvolto tutto.

LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters

Altrove sono stati avvistati degli stormi di uccelli che hanno perso il senso dell’orientamento, andando anche a sbattere contro degli alberi a causa della luce che è calata improvvisamente. Nel Regno Unito, la porzione di sole coperta dalla luna è stata maggiore verso il Nord del paese, raggiungendo circa l’84%  a Londra, l’89% a Manchester, il 93% ad Edimburgo ed  il 97% a Lerwick nelle Isole Shetland. Anche l’orario del picco dell’eclissi era diverso da zona in zona. Nella zona di Londra l’Eclissi è iniziata intorno alle 8.24 di mattina, ed ha raggiunto il massimo intorno alle 9.31. per gli osservatori di Edimburgo, è iniziata intorno alle 8.30 ed ha raggiunto il picco alle 9.35. L’ultima Eclissi di Sole che si è verificata nell’Agosto del 1999 fu totale, con il 100% della superficie solare coperta dalla luna in Cornovaglia. La prossima eclissi parziale visibile dal Regno Unito si verificherà il 12 agosto del 2026, mentre, quella totale addirittura nel settembre del 2090. Mr Wilkins, dalla base del London Baker Street Irregular Astronomers, che ha guidato un gruppo di osservatori nel villaggio di Hambrook, a sud del Gloucestershire, ha detto: “Il cielo ha iniziato ad oscurarsi già subito dopo i primi minuti ed abbiamo potuto vedere il disco nero della luna davanti al sole. E’ stata un’esperienza unica – misterioso è l’aggettivo che più si addice a questo evento”. La stessa esperienza è stata vissuta anche nella soleggiata Edimburgo, dove circa 200 persone nella zona fuori dal parlamento scozzese si sono attrezzate per osservare l’eclissi. Nel medesimo istante, anche al Clifton Observatory a Bristol, gli studenti Greg Robertson e Sam Firminger hanno celebrato l’evento stappando dello champagne.

LaPresse/Federico Ferramola
LaPresse/Federico Ferramola

Più di mille persone hanno osservato l’eclissi dal National Museum del Galles a Cardiff, attrezzate con gli occhiali speciali. Uno scenario simile si è presentato anche al Swansea National Waterfront Museum. Brian Stokes presidente della Swansea Astronomical Society ha detto: “Guardare attraverso il telescopio è stato magnifico”. Altri eventi simili ci sono stati anche a Aberystwyth e Brecon Beacons, e la cantante Bonnie Tyler ha reso omaggio all’evento postando su Twitter la sua canzone Total Eclipse of the Heart.  Altre persone sono invece rimaste molto deluse dato che il cielo era coperto quasi totalmente dalle nuvole. Quasi 600 persone riunite al Regent Park di Londra non hanno potuto godere a pieno dell’evento a causa di qualche nuvola, ma non si sono lasciati scoraggiare dal maltempo. Robert Massey  segretario della Royal Astronomical Society che era con lei, ha detto: “Abbiamo goduto dell’evento nonostante le nuvole. Siamo stati un po’ sfortunati – ha detto Simon Bennet , co-fondatore dell’associazione – ma non sarebbe astronomia se si potesse sapere con certezza cosa succederà.” Gli esperti però, fra cui Mr Scagell hanno prontamente avvertito la popolazione dei rischi a cui si va incontro osservando ad occhio nudo il fenomeno. E dice “l’eclissi parziale è più rischiosa di quella totale perché le persone pensano che poiché è oscurata solo una parte del sole allora possono osservarla“. Dopo l’Eclissi del 1999 circa 70 persone hanno avuto dei problemi alla vista per le 48 ore successive all’evento.

L’eclissi ha avuto anche un impatto notevole sull’energia solare. Il manager del National Grid, Jeremy Caplin, ha dichiarato che “gli effetti dell’eclissi sull’energia si sono verificati soprattutto in Germania ed Italia perché sono paesi in cui il ramo dell’energia solare è molto più sviluppato.”  L’eclissi inoltre sarà utile proprio per capire come utilizzar  e progettare al meglio i pannelli fotovoltaici per la produzione di energia solare, come ha confermato Alessandro Abate, professore dell’Università di Oxford. Molti sono stati i professori e gli esperti che vedono nel fenomeno dell’eclissi di sole non solo uno spettacolo ma un’opportunità di studio da sfruttare al meglio per capire cosa succede nell’atmosfera durante un’eclissi e cosa si nasconde nella corona solare.