Maltempo Abruzzo: nuovo cedimento, altri 30mila senz’acqua

MeteoWeb

Un altro movimento franoso ha danneggiato la condotta Tavo Nord nel territorio comunale di Castiglione Messer Raimondo

rubinettoE’ emergenza idrica senza fine in Abruzzo, in seguito al maltempo dei giorni scorsi. Mentre i tecnici dell’Aca hanno concluso l’intervento di riparazione dell’adduttrice Tavo danneggiata da una frana nel comune di Farindola (Pescara), un altro movimento franoso ha danneggiato la condotta Tavo Nord nel territorio comunale di Castiglione Messer Raimondo (Teramo), lasciando senz’acqua quasi 30mila persone, in quattro comuni del Pescarese e del Teramano. I comuni interessati sono Citta’ Sant’Angelo, Elice (Pescara), Atri e Castilenti (Teramo). I tecnici, concluso il primo intervento, sono al lavoro sulla seconda condotta danneggiata. Dall’Azienda comprensoriale acquedottistica (Aca) fanno sapere che si registrera’ carenza idrica almeno fino alla tarda serata. I circa dieci comuni interessati dalla prima rottura, invece, riavranno l’acqua nelle prossime ore: concluso l’intervento, infatti, sono iniziate le manovre di reimmissione. La stessa condotta interessata dal guasto che stamani ha lasciato a secco 35mila persone nel Pescarese aveva subito un danno analogo ieri, a circa cento metri dalla rottura odierna. Le squadre dell’Aca stanno lavorando ininterrottamente nelle vallate del Tavo e del Fino per far fronte all’emergenza idrica: oltre agli interventi sulle condotte principali, si registrano danni su tubature locali che hanno lasciato a secco, in alcuni casi da diversi giorni, frazioni, contrade e gruppi di case.