Maltempo Firenze: riunita l’unità di crisi, il punto della situazione

MeteoWeb

Nella mattina registrate raffiche di vento fino a tempesta (raffica massima 159 Km/h al passo del Giogo comune di Firenzuola)

vento09L’unità di crisi della Città Metropolitana di Firenze, coordinata dal consigliere delegato alla Protezione civile Angelo Bassi e in continuo contatto con il sindaco Dario Nardella (in missione negli Usa), si è riunita per fare il punto della situazione degli interventi per il maltempo e le raffiche di vento. “Stiamo monitorando la situazione – spiega Bassi – e i nostri operatori di Protezione civile, della Viabilità e degli altri Uffici coinvolti stanno lavorando con grande attenzione e in modo capillare. Questo in sintesi il quadro: diecimila utenze elettriche sono scollegate, tutta percorribile la FiPiLi, chiuse alcune strade provinciali come la Sp 130 Monte Morello, divieto di transito in Autostrada per i mezzi telonati, chiuse le scuole nel comune di Scarperia-San Piero a Sieve, non poche coperture in eternit divelte dal vento”. Nella mattina registrate raffiche di vento fino a tempesta (raffica massima 159 Km/h al passo del Giogo comune di Firenzuola). Sulla piana di Firenze si sono registrate raffiche fino a 130 km/h. Nel pomeriggio atteso calo dell’intensità del vento. Fino alle 18.00 confermata allerta meteo. Circa le infrastrutture nella mattina chiuse 16 strade di competenza. Al momento rimane chiuso al traffico la SP 130 monte Morello (dal km 0 al km 7 comune di Sesto Fiorentino), la SP 54 dei Bosconi (km 5+600 comune di Fiesole) e SP4 Volterrana (Chiesanova comune di San Casciano), SP 85 Vallombrosa (comune di Reggello); SR 65 della Futa (Montecarelli, comune di Barberino di Mugello), SP 477 della Raticosa (comune di Palazzuolo sul senio), SP 87 Matassinolo (loc. Cascia comune di Reggello). La FiPiLi è tutta percorribile, come l’Autopalio e l’A11. Per quanto riguarda la rete ferroviaria, sulla linea Faentina tra Ronta e Crespino rallentamento a 30 km/h. Numerose le segnalazioni per coperture in eternit divelte dal vento. Segnalazioni di amianto a Firenze, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Calenzano e Scarperia-San Piero a Sieve. Arpat ha comunicato di star predisponendo una nota da trasmettere a tutti i Comuni con le indicazioni operative per la gestione dell’emergenza. Difficoltà per l’energia elettrica su tutta la provincia. Si verificano interruzioni a causa della cadute di piante e tralicci sulle linee di bassa e media tensione. Alle 11.30 sono circa 17000 le utenze scollegate. Alle 13.30 risultano circa 10000 utenze senza energia elettrica. Enel sta trasportando dei gruppi elettrogeni nelle zone più colpite del Mugello del Valdarno e del Chianti. Risultano senza energia elettrica alcuni elettromedicali, i comuni stanno provvedendo a fornire dei gruppi elettrogeni. Enel comunica che sono in arrivo delle unità in supporto da altre regioni, comunque probabilmente non riusciranno a ripristinare tutti i guasti entro sera. All’Unità di crisi della Città Metropolitana di Firenze erano presenti il consigliere delegato della Città Metropolitana alla Protezione civile Angelo Bassi; Annamaria Santoro (Prefettura Firenze), Giacomo Tassi Giacomo (Rfi), Carmine Tabarro Polstrada), Marco Bellu e Luciano Becucci (Enel distribuzione), Luca Minandro e Duccio Ciappelli (Questura), Giulio Vannicelli e Michele Iuffrida(VVF Firenze), Leonardo Graziani (strade Global Service), Francesco Cattaneo (comando provinciale CC), Patrizia Verrusio (Comune Firenze), Riccardo Nucciotti (assessore comune Campi Bisenzio), Giuseppe Biancamano (viabilità città metropolitana Firenze).