Maltempo Toscana: oltre 600 alberi rimossi da fiumi e torrenti

MeteoWeb

Le violente raffiche di vento hanno abbattuto anche diverse piante ad alto fusto presenti lungo i corsi d’acqua in carico al Consorzio di Bonifica Toscana Costa

vento_123Consorzi di Bonifica al lavoro per eliminare i problemi causati dalla recente ondata di vento forte e di maltempo, mentre resta alta l’attenzione per la nuova ondata di vento forte prevista oggi. Dopo la tempesta che ha colpito la Toscana nei giorni scorsi, i Consorzi si sono attivati rapidamente, impiegando uomini e mezzi per cercare di riportare il prima possibile la situazione alla normalità, soprattutto nelle zone in cui si sono registrate le criticità maggiori. Tanti i problemi registrati nella regione, in particolar modo nei comprensori dei Consorzi di Bonifica Toscana Nord e Medio Valdarno. Più di 600, in base alle prime stime, gli alberi rimossi dai corsi d’acqua. Il Consorzio di Bonifica Toscana Nord ha lavorato per la rimozione di alberi caduti e di altro materiale di accumulo finito negli alvei dei corsi d’acqua del Capannorese, di Lucca, di Vicopisano ma soprattutto della Versilia (in particolare nei comuni di Forte dei Marmi, Pietrasanta, Camaiore e Viareggio), dove particolarmente delicata si presenta la situazione della pineta della Versiliana (Marina di Pietrasanta). Numerose sono state le squadre del Consorzio di Bonifica Medio Valdarno a lavoro per tagliare le piante cadute nelle zone tra Prato e Pistoia, sia sui corsi d’acqua di montagna che collinari e pianura. Risolte velocemente un paio di criticità puntuali sul Rimaggio, a Sesto Fiorentino (Firenze) e sulla Greve, lungo la Strada Provinciale in prossimità del Passo dei Pecorai nel Comune di Greve in Chianti (Firenze). Le violente raffiche di vento hanno abbattuto anche diverse piante ad alto fusto presenti lungo i corsi d’acqua in carico al Consorzio di Bonifica Toscana Costa. Il personale, con idonea attrezzatura ed escavatori, è intervenuto in particolare nei Comuni di Castagneto Carducci e Cecina, dove sono stati necessari lavori di sezionatura e rimozione per quindici alberi. Il Consorzio di Bonifica Basso Valdarno ha invece eseguito interventi nella zona di Calci e Calambrone (Pisa), in particolare per la rimozione e potatura di piante che mettevano a rischio l’incolumità di cose e persone e l’abbattimento, e successiva rimozione, di un albero reso pericolante dalle raffiche di vento. ”I Consorzi sono al lavoro in questi giorni – spiega il presidente Urbat, Marco Bottino – oltre che per rimuovere i danni causati dalla tempesta, anche per liberare i fiumi dalle ostruzioni conseguenti, pericolose in caso di piena dei fiumi. Il lavoro dei Consorzi si dimostra sempre più indispensabile al servizio del territorio regionale”.