Le mappe geografiche che non avevate mai visto

/
MeteoWeb

CARTINA 2In molti direbbero che la cartina geografica serve ad orientarsi, a mostrare la disposizione dei Paesi, a dare un’idea complessiva del luogo in cui ci si trova. In realtà, essa è davvero versatile e può illustrare infiniti fenomeni. Tra le mappe davvero insolite realizzate con una giusta dose di fantasia, troviamo quella dei luoghi comuni, in cui il Brasile è formato da pallone e caffè, gli Usa sono tracciati con armi e basket, il territorio russo è visto come un immenso bar dove si consuma vodka in quantità industriali e l’Italia, ovviamente, come uno stivale. Particolare la mappa con i cognomi più diffusi in Europa, quella del mondo secondo le bandiere e quella che rappresenta come si dice birra nel mondo. Il blogger americano Eowyn Smith ha fatto un lavoro davvero originale, collocando tutti i personaggi della Disney nel vero luogo geografico in cui si svolge la vicenda che li vede protagonisti per dar vita ad una stupenda mappa dei cartoon. Proseguendo, troviamo la mappa degli impiegati pubblici più pagati nei vari paesi degli Usa, quella ideata da Mc Donald’s per valutare la sua diffusione nel mondo, quella ideata da Charities Aid Foundation, nel 2012, per verificare la generosità, in termini economici e di altruismo, dei Paesi del mondo.

CARTINA 3Ed ancora, troviamo la mappa dei risultati dei test sul quoziente intellettivo, quella dei 7 peccati più diffusi nel mondo e la mappa della grandezza del seno, elaborata nel 2010, che indica che le donne con il seno più grande del mondo vivono in Russa ed in Europa del Nord, mentre Africa e Asia presentano i valori minori. Fanno sorridere le mappe che riportano i popoli più sexy del mondo, le dimensioni del pene in Europa, i mari e monti invertiti, le guide a destra e sinistra, la libertà di stampa e la corruzione, la Pangea con gli odierni confini tra stati,  la mappa con la diffusione dei social network, quella che sfata i pregiudizi legati alla diffusione dell’ebola unicamente in Africa. 

CARTINA 1Originale l’idea dei designers Khuan+Ktron, che hanno pensato di segnalare le attrazioni da visitare nei luoghi turistici più belli d’Italia, Francia, Grecia, Islanda ecc., associando alle città i loro stereotipi (es. Milano-Moda, Venezia-Gondole, Torino-Fiat). Su Flickr, inoltre, Judith Herunter ha fotografato e postato un meraviglioso collage di spezie, in cui ogni Paese viene rappresentano con le erbe ed i prodotti vegetali che da esso provengono (es. curry e curcuma per l’India, origano, timo, basilico per l’Italia ecc. C’e’ chi si spinge ben oltre, facendosi tatuare il planisfero sul suo corpo: è William Passman, un blogger inglese 59enne che 8 anni fa, dopo essersene andato in pensione, ha iniziato a viaggiare per il mondo e per tenere la contabilità delle sue esplorazioni, si è fatto tatuare sulla schiena il planisfero, facendo colorare la cartina corrispondente ad ogni nuovo Paese visitato.