Medicina: un test del sangue per diagnosticare l’Alzheimer

MeteoWeb

“Il nostro studio suggerisce che insiemi di specifiche proteine ??nel sangue possano essere utilizzati per stabilire la presenza di Alzheimer in maniera non invasiva”

Salute/ Depressione campanello d'allarme per demenzaUn semplice esame del sangue potrebbe presto essere utilizzato per diagnosticare la malattia di Alzheimer. A raccogliere le prove in uno studio, i ricercatori dell’Università della California (Ucla) a Los Angeles, che ne parlano sulla rivista ‘Neurology’. Si stima che solo negli Stati Uniti circa 5 milioni di persone convivano con una malattia neurodegenerativa. Nonostante questi numeri, non esiste ancora un test affidabile per diagnosticare l’Alzheimer, la principale di queste patologie. “I biomarcatori ematici avrebbero l’importante vantaggio di essere sicuri, convenienti e facili da gestire anche in grandi gruppi o in aree prive di strumentazioni, e quindi un test del sangue potrebbe avere un enorme impatto sulla cura e sugli studi clinici”, ha detto Liana Apostolova, direttore del laboratorio di Neuroimaging presso il Mary S. Easton Center for Alzheimer’s Disease Research della Ucla e capo del team di ricerca. I medici attualmente diagnosticano il disturbo analizzando la presenza di placche beta-amiloidi, per verificare la loro compatibilità con la malattia. Ci sono due modi per farlo ed entrambi hanno i loro inconvenienti, dicono i ricercatori: il prelievo di liquido cerebrospinale, molto invasivo, e la Pet, che è efficace, ma espone il paziente a radiazioni ed è anche costosa. La maggior parte delle compagnie di assicurazione americane, fra l’altro, non la prevedono e non la rimborsano come test diagnostico. “Il nostro studio – assicura Apostolova – suggerisce che insiemi di specifiche proteine ??nel sangue possano essere utilizzati per stabilire la presenza di Alzheimer in maniera non invasiva. Ora dobbiamo perfezionare e migliorare la potenza di questo test introducendo nuovi parametri correlati alla malattia, ma i primi dati indicano che l’esame è fattibile e potrebbe sbarcare sul mercato in breve tempo”.