Nepal: riaperte le porte dell’Everest

MeteoWeb

Il distacco di una massa di neve e ghiaccio, lo scorso 28 aprile, aveva portato alla morte di 16 sherpa nepalesi e alla conseguente interdizione degli accessi alla vetta

NEPAL-CHINA-MOUNTAINEERING-LEISURE-FILESIl Nepal riapre le porte dell’Everest. Le autorita’ del paese asiatico hanno reso noto oggi che sara’ nuovamente possibile compiere le ascensioni per la montagna piu’ alta del mondo dopo la sospensione di un anno dovuta alla morte di 16 guide nepalesi, lo scorso aprile. Approvando una proposta del ministero del Turismo, il governo ha deciso di concedere una nuova chance alle centinaia di scalatori che si erano prenotati per compiere l’impresa. A patto che questi paghino una quota di mille dollari, che si aggiungono ai diecimila gia’ pagati lo scorso anno. La nuova “royalty”, spiega il portavoce del ministero Mohan Krishna Sapkota citato dal sito ekantipur.com, e’ frutto della revisione governativa delle tariffe per i diritti di ascensione del monte Everest nella stagione primaverile. Per i 39 gruppi con 330 persone, che si erano prenotati per la scalata, il governo nepalese aveva gia’ incassato 3,2 milioni di dollari. Ma il distacco di una massa di neve e ghiaccio, lo scorso 28 aprile, aveva portato alla morte di 16 sherpa nepalesi e alla conseguente interdizione degli accessi alla vetta.