Previsioni Meteo: fine marzo e inizio aprile con l’anticiclone a metà, attenzione a forti venti e mari in tempesta [MAPPE]

/
MeteoWeb

Le Previsioni Meteo per i prossimi giorni: forti venti di maestrale soprattutto tra Sardegna e Sicilia, mari in burrasca in tutto il settore occidentale dell’Italia

05Nell’ultima domenica di marzo, come ampiamente previsto nei giorni scorsi, è tornato a splendere il sole in tutt’Italia nonostante gli ultimi annuvolamenti residui al sud e l’avanzata nel corso della giornata di nubi alte e stratificate al nord/ovest. Le temperature continuano ad aumentare e hanno raggiunto i +20°C a Firenze, Perugia, Latina, Arezzo e Olbia, +19°C a Torino, Napoli, Bologna e Forlì, +18°C a Milano, Roma, Parma, Pisa, Frosinone, Ferrara e Viterbo. Più fresco in riva al mare dove Bari, Venezia, Trieste e Rimini non hanno superato i +14°C, Brindisi, Crotone e Pantelleria i +15°C, Palermo, Genova e Pescara i +16°C, comunque in netto aumento rispetto ai giorni scorsi.

POPLEX.2015088.aqua.1kmMa non sono mancati i forti venti di maestrale, con raffiche fino a 70km/h in Sardegna dove anche a Cagliari, nel capoluogo, il maestrale ha raggiunto i 59km/h. Nelle prossime ore il vento da nord/ovest si intensificherà a causa della configurazione sinottica sull’Europa che vedrà sì – in parte – l’avanzata dell’anticiclone delle Azzorre verso il Mediterraneo, ma anche da nord/ovest l’estensione di una vasta area depressionaria che provocherà abbondanti precipitazioni tra Francia, Svizzera, Germania e Austria con grandi nevicate sulle Alpi oltre i 1.500 metri di quota, ovviamente nel versante esposto a nord, quello estero rispetto all’Italia eccezion fatta per alcune aree di confine. In pianura Padana soffieranno forti venti di favonio che faranno impennare le temperature fino a +25°C tra Piemonte e Lombardia soprattutto nella giornata di martedì 31 marzo, mentre mercoledì 1 aprile sarà il giorno più caldo al Sud dove comunque le temperature si manterranno più basse nelle zone costiere rispetto ai valori miti che si potranno raggiungere nelle zone interne del centro/nord. In Primavera, infatti, si riscaldano più velocemente le zone interne e lontane dal mare, rispetto ai litorali che continueranno ad essere sferzati da venti e brezze umidi e freschi provenienti dal mare raffreddato dal lungo inverno.

vento 21Sarà un anticiclone a metà, dicevamo, perché in molte località del centro/sud soffieranno forti venti e i mari saranno agitati. Non solo. Nel basso Tirreno tra Campania, Basilicata tirrenica e Calabria tirrenica avremo molte nubi e qualche piovasco. Anche tra Liguria e alta Toscana avremo molte nubi e qualche debole pioggia. Saranno giorni di forti venti su gran parte d’Europa, e l’Italia non ne sarà immune. Il maltempo concede una tregua, ma in Sardegna il maestrale potrà arrivare a 100km/h e anche in Sicilia avremo raffiche fino a 80km/h con mari molto mossi o agitati e con mareggiate nelle coste esposte soprattutto tra Liguria, Toscana, Corsica, Sardegna, Sicilia, Canale di Sicilia (quindi tutte le isole, compresa Malta). Mare mosso anche nel Tirreno centro/meridionale tra Lazio, Campania e Calabria come possiamo osservare nelle mappe a corredo dell’articolo.

Dal punto di vista meteorologico, non ci sarà modo di annoiarsi neanche in questi giorni di “tregua” a metà, aspettando poi il brusco peggioramento di Pasqua e Pasquetta quando è confermato il colpo di coda dell’inverno con freddo, neve e maltempo in tutt’Italia.