Previsioni Meteo Pasqua 2015, tendenza clamorosa: colpo di coda dell’inverno con gelo e neve proprio ad inizio aprile?

/
MeteoWeb

Previsioni Meteo per Pasqua e Pasquetta 2015: è ancora presto, ma alcuni aggiornamenti dei centri di calcolo a lungo termine disegnano una prospettiva davvero clamorosa con il ritorno di gelo e neve proprio nei giorni clou della festività pasquale

Previsioni Meteo Pasqua 2015E’ ancora presto per una tendenza affidabile, ma sulle Previsioni Meteo di Pasqua e Pasquetta 2015 emerge una prospettiva davvero clamorosa. L’aggiornamento delle 06 di GFS stamattina, infatti, prospetta un intenso colpo di coda dell’inverno proprio ad inizio aprile, che culminerebbe nel weekend tra sabato 4 e domenica 5, proprio nel clou delle festività pasquali con freddo intenso e abbondanti nevicate sull’Italia, fino a bassa quota, soprattutto al centro/sud e nelle Regioni adriatiche che sarebbero le più esposte ai flussi freddi provenienti dai Balcani e dall’Europa orientale.

Previsioni Meteo Pasqua 2015Senza andare così troppo in là fino a Pasqua e Pasquetta, già nei giorni precedenti il freddo potrebbe tornare a colpire l’Italia dopo la breve tregua anticiclonica che avremo all’inizio della prossima settimana, tra lunedì 30 e martedì 31 marzo, gli ultimi due giorni del mese, e soprattutto mercoledì 1 aprile, una giornata che si prospetta come bellissima in tutt’Italia, cieli completamente sereni, temperature gradevoli fino ad oltre +20°C su gran parte del Paese. Insomma, l’ennesima illusione primaverile: subito dopo, infatti, torneranno freddo, maltempo e neve proprio in concomitanza con le festività Pasquali a partire da giovedì 2 aprile. Almeno così emerge dagli ultimi aggiornamenti dei principali modelli previsionali; vedremo nei prossimi giorni se questa tendenza verrà confermata o smentita. Intanto il nostro Paese sta per vivere il violento peggioramento Africano a cui seguirà tanto maltempo fino a domenica 29; poi appunto la prima vera tregua anticiclonica con 3 giorni di bel tempo in tutt’Italia, ma rischia di essere ancora una volta soltanto ingannevole.