Spazio, NASA: partita la Soyuz con i tre astronauti, inizia la missione dei “gemelli spaziali” [FOTO]

  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
/
MeteoWeb
LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters

E’ stata lanciata la Soyuz che portera’ sulla Stazione Spaziale l’americano Scott Kelly nella prima missione della durata di un anno mai organizzata dalla Nasa e destinata ad aprire la strada per i lunghi viaggi verso Marte. I cambiamenti che avverranno in assenza di peso su Scott Kelly saranno confrontati con quelli del gemello identico Mark, che resta a Terra. Sulla Soyuz sono anche i russi Gennady Padalka e Mikhail Kornienko. As aspettarli sulla Stazione Spaziale l’astronauta Samantha Cristoforetti.

E’ una vera maratona dello spazio, quella appena iniziata. Per un anno tutti i parametri fisiologici di Scott e Mark Kelly saranno confrontati e, poiche’ sono gemelli identici hanno quindi lo stesso Dna, i risultati permetteranno finalmente di avere un’idea piu’ precisa degli effetti sull’organismo umano dei lunghi periodi trascorsi in assenza di gravita’. Sono conoscenze preziose per tutelare gli astronauti che, in futuro, affronteranno i lunghi viaggi spaziali diretti sulla Luna o su Marte. Il gemello nello spazio e l’altro che resta a Terra suggeriscono immediatamente il paradosso dei gemelli ideato da Albert Einstein per spiegare la teoria della relativita’. Sotto questo punto di vista, pero’, gli effetti non saranno affatto evidenti poiche’ Scott, nella sua permanenza in orbita, sara’ piu’ giovane di Mark soltanto di tre millisecondi. Sulla Stazione Spaziale si fermera’ per un anno anche Kormienko, mentre il resto dell’equipaggio continuera’ ad avvicendarsi con i tradizionali turni di sei mesi. A bordo della Stazione Spaziale, che raggiungeranno in sei ore, li attendono, con Samantha Cristoforetti, il comandante Terry Virts e il russo Anton Shkaplerov.