Super Ciclone Pam, situazione catastrofica a Vanuatu: decine di morti, aiuti dall’Australia [FOTO]

  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
  • LaPresse/REUTERS
    LaPresse/REUTERS
/
MeteoWeb
LaPresse/REUTERS
LaPresse/REUTERS

Sono decine i morti a Vanuatu per il passaggio del super ciclone Pam che ha flagellato le 65 isole dell’arcipelago nel Pacifico con venti fino a 270 chilometri orari che hanno spazzato via interi villaggi. Lo ha reso noto la Croce Rossa australiana che ha parlato di “incredibile distruzione”. Il ciclone Pam, che aveva gia’ investito Kribati e le isole Salomone, e’ stato catalogato come tempesta tropicale di categoria cinque ed e’ considerato uno dei piu’ violenti mai registrati nell’emisfero sud. Interi villaggi sono sono stati inondati dalle piogge torrenziali e dalle furiose mareggiate, in quello che potrebbe essere uno dei piu’ gravi disastri mai registrati nel Pacifico. Notizia non confermate riferiscono di 44 morti soltanto nella provincia nord-orientale di Penama. La capitale Port Vila, sull’isola di Efete, dove vivono 47.000 dei 267.000 abitanti dell’arcipelago, ha vissuto “15-30 minuti di terrore assoluto”, ha raccontato la portavoce dell’Unicef, Alicia Clements. In citta’ sono stati allestiti 23 rifugi. Nell’arcipelago, che si trova 1.750 chilometri ad est dell’Australia, le comunicazioni sono isolate e manca la corrente praticamente in tutte le case. L’Australia ha annunciato l’invio di tecnici ed esperti per ripristinare l’energia elettrica e valutare le prime necessita’ per l’emergenza umanitaria. La Nuova Zelanda, verso cui si stata dirigendo il ciclone, ha stanziato aiuti immediati per un milione di dollari locali (700.000 euro). Vanuatuera risultato il Paese “piu’ felice al mondo” da una ricerca del 2006 focalizzata su rispetto dell’ambiente e sulla longevita’ e il benessere degli abitanti.