Allarme “Super-Batteri”, l’esperta: “in Italia situazione critica, si abusa degli antibiotici”

MeteoWeb

super batteriArriva dall’Inghilterra l’allarme per i “super batteri“. Secondo il rapporto del Dipartimento per la gestione delle emergenze nazionali del governo britannico, la nuova ondata di batteri capaci di resistere agli antibiotici potrebbe causare numerose vittime. “Anche in Italia la situazione e’ critica”. Lo afferma, dati alla mano, Marta Ciofi degli Atti, responsabile di Epidemiologia Clinica dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesu’ che aggiunge: “il nostro Paese e’ tra le nazioni europee con piu’ multiresistenze e nella quale si usa la maggior quantita’ di antibiotici“. La causa principale dello sviluppo di nuovi germi multiresistenti e’ l’uso non appropriato degli antibiotici sia negli uomini che in ambito veterinario, ovvero negli animali che entrano nella catena alimentare e vengono consumati.

INTOSSICAZIONI ALIMENTARI BATTERIE’ necessario ricordare – aggiunge Ciofi degli Attiche molte comuni infezioni causate da virus come l’influenza o il raffreddore o le infezioni delle prime vie respiratorie dei bambini, non devono essere curate con antibiotici che andranno riservati solo per il trattamento di casi particolari“. Il rischio maggiore di questa nuova ondata di “super batteri” e’ soprattutto per le persone con una elevata suscettibilita’ alle infezioni, o per i pazienti ricoverati nelle terapie intensive degli ospedali che potrebbero sviluppare malattie gravi e molto difficili da trattare se causate da germi resistenti agli antibiotici. La ricerca scientifica e’ mirata allo sviluppo di nuovi antibiotici capaci di combattere questi microrganismi resistenti. Qualunque nuovo farmaco dovra’ tuttavia essere sempre utilizzato in maniera appropriata. “Gli antibiotici sono medicine estremamente potenti, essenziali e indispensabili – conclude l’epidemiologa del Bambino Gesu’ – ma la chiave della lotta alla multiresistenza risiede proprio nell’uso prudente degli antibiotici stessi e secondo precise indicazioni“. All’Ospedale Pediatrico Bambino Gesu’ vengono messe in atto numerose azioni per controllare la diffusione di germi multiresistenti a partire dalla condivisione di rigorosi protocolli clinici per la limitazione dell’uso inappropriato degli antibiotici, sino all’identificazione di portatori di germi multiresistenti e all’adozione delle cosiddette “precauzioni da contatto“.