Ambiente: l’aumento di azoto riduce la diversità delle piante

MeteoWeb

I ricercatori hanno analizzato quasi 400 appezzamenti di terreno in tutta la Svizzera

Le emissioni di azoto rilasciate nell’atmosfera per mano dell’uomo portano alla riduzione della diversita’ delle piante. Lo sostiene uno studio realizzato dall’Universita’ di Basilea e pubblicato su Royal Society Open Science. L’azoto e’ un nutriente essenziale per le piante; fino ad oggi e’ stato presente in piccole quantita’ e gli ecosistemi ricchi di specie diverse di piante si sono adattati ai bassi livelli di questo gas. L’aumento della disponibilita’ di azoto ha pero’ favorito poche specie altamente competitive, con la conseguente diminuzione della diversita’ complessiva della flora. I ricercatori hanno analizzato quasi 400 appezzamenti di terreno in tutta la Svizzera, mettendoli a confronto con sei diverse misure di diversita’ della flora.

piantare_alberiHanno scoperto che, in ognuna di queste sei, alti livelli di deposizione di azoto erano associati a bassi valori di diversita’ della flora. La relazione piu’ forte tra deposizione di azoto e ricchezza della flora e’ stata trovata nella cosiddetta diversita’ filogenetica, una misura che prende in considerazione le relazione genetiche tra gruppi diversi di specie; questa, secondo i ricercatori sarebbe diminuita del 19%. In pratica, alti livelli di deposizione di azoto hanno portato specie di piante diverse ad essere piu’ ‘imparentate’ tra loro. Poiche’ la diversita’ filogenetica e’ spesso legata alla salute dell’ecosistema, i ricercatori ipotizzano che gli effetti dell’azoto possano mettere a rischio interi ecosistemi.