Animali: il sonno profondo allunga la vita dei lemuri

MeteoWeb

Secondo i ricercatori i lemuri che vanno in letargo, non solo vivono di più, ma godono anche di una salute migliore

lemuri madagascarDormire allunga la vita. Almeno per i lemuri. Lo rivela una ricerca condotta dalla Duke University, che spiega come il segreto della longevita’ di alcuni di questi animali stia nella loro capacita’ di mettere il loro corpo in una sorta di modalita’ ‘standby’ durante il letargo. Poiche’ i lemuri, classificati come primati, sono piu’ vicini all’uomo che ai topi, questa ricerca potrebbe aiutare gli scienziati a identificare geni anti-invecchiamento anche negli umani. Lo studio ha dimostrato che la durata della vita del chirogaleo dalla coda grossa (un lemure di piccola taglia) e anche il loro invecchiamento dipende dalla quantita’ di tempo passata in uno stato di torpore: gli esemplari che vanno in letargo vivono fino a 10 anni di piu’ delle altre specie di dimensioni simili che non lo fanno. Gli studiosi hanno esaminato piu’ di 50 anni di cartelle cliniche raccolte su centinaia di lemuri di quattro specie del Duke Lemur Center per ricavare indizi sulla loro longevita’ eccezionale. L’attenzione e’ stata focalizzata sul chirogaleo, una specie di che in natura passa in letargo profondo fino a sei mesi all’anno; durante questo sonno diminuiscono da 200 a 8 i battiti della frequenza cardiaca, rallentano la respirazione e interrompono la regolazione della temperatura interna, si riscaldano e si raffreddano con l’aria esterna. Caratteristiche che metterebbero in pericolo di vita la maggior parte dei primati, ma non i lemuri perche’ sono un modo per risparmiare energia durante periodi dell’anno in cui cibo e acqua scarseggiano. Secondo i ricercatori, inoltre, i lemuri che vanno in letargo, non solo vivono di piu’, ma godono anche di una salute migliore: si riproducono per piu’ anni rispetto agli altri e manifestano piu’ tardi i disturbi agli occhi, frequenti in tutte le specie. Secondo i ricercatori, il torpore potrebbe aumentare la longevita’ proteggendo le cellule dai danni ossidativi provocati da respirazione e metabolismo. Lo studio sara’ pubblicato sulla rivista Journal of Zoology.