Buon compleanno Hubble! Oggi compie 25 anni

MeteoWeb

Molte delle straordinarie immagini inviate sulla Terra da Hubble sono diventate delle vere e proprie icone

Buon compleanno Hubble, il telescopio spaziale di Nasa e Esa oggi compie 25 anni. Lanciato il 24 aprile 1990 con lo shuttle Discovery, ha cambiato la visione dell’Universo. Da quando si è acceso l’Hubble Space Telescope (Hst), chiamato così in onore dell’astronomo statunitense Edwin Hubble, tutto è cambiato. Howard Bond, Co-Investigator e Co-fondatore dell’Hubble Heritage Program, non a caso ha sottolineato che prima del telescopio spaziale di Nasa e Esa “non si sapeva che l’Universo stava accelerando”. E né si sapeva che i pianeti sono presenti anche attorno a stelle diverse dal Sole. Sempre il telescopio spaziale ha realizzato riprese eccezionali della collisione della cometa Shoemaker-Levy 9 con il pianeta Giove nel 1994. E ancora. Nel 2010, grazie ad Hubble, è stata scoperta la galassia più lontana da noi, circa 13,2 miliardi di anni luce, il che equivale a un’osservazione di quello che era l’universo 480 milioni di anni dopo il Big Bang.

LaPresse/ZumaPress
LaPresse/ZumaPress

Ad Hubble spetta inoltre il primato della prima immagine di un pianeta extra-solare raccolta da un telescopio ottico. L’immagine, pubblicata nel novembre del 2008, mostra il pianeta Fomalhaut b immerso nel disco protoplanetario di polveri e gas che circonda la sua stella. Molte delle straordinarie immagini inviate sulla Terra da Hubble sono diventate delle vere e proprie icone, tanto che l’Agenzia Spaziale Europea ha deciso di riunirle in un’unica grande ‘opera d’arte’ sull’Universo, diffondendo dal suo sito una maxi foto che racchiude tutti i più importanti scatti realizzati in questi 25 anni dal telescopio spaziale. Tante le missioni di servizio e le passeggiate spaziali di diversi astronauti per tenere in vita Hubble, tra le più famose quella realizzata dallo shuttle Atlantis nel 2009. Si pensava fosse l’ultima missione per la manutenzione del telescopio spaziale, ma Hubble sembra che festeggerà anche i 30 anni prima di terminare il straordinario lavoro, quando il James Webb Space Telescope (Jwst) andrà in orbita e dovrà dimostrare di saper fare meglio del ‘vecchio’ Hubble.