Clima: una massa d’acqua calda nel Pacifico condiziona il meteo in USA

MeteoWeb

Lo sostiene una ricerca condotta dall’Università di Washington, e pubblicata su Geophysical Research Letters

Una massa di acqua calda che da mesi si trova al largo delle coste Usa che si affacciano sul Pacifico potrebbe avere importanti ripercussioni su clima e l’ecosistema marino. Lo sostiene una ricerca condotta dall’Universita’ di Washington, e pubblicata su Geophysical Research Letters, secondo cui questa chiazza tra gli 1 e i 4 gradi piu’ calda del normale sta facendo salire il termometro sulla costa occidentale e modificando le abitudini di alcuni pesci, che si sono spostati in nuove acque, con ripercussioni importanti sulla catena alimentare.

2015040900_054_G6_global_I_SEASON_tm@lg@sd_000Gia’ in una newsletter scritta a giugno, l’autore principale della ricerca, Nick Bond, scienziato dell’universita’ di Washington, aveva affermato che questa enorme massa d’acqua, che si estendeva per oltre 1.600 km e profonda 300 piedi (circa 90 metri), aveva contribuito nel 2014 ad un inverno mite nello Stato di Washington e poteva favorire anche un’estate piu’ calda. Oggi, dieci mesi dopo, la chiazza si estende dal Messico all’Alaska, con l’acqua 2 gradi piu’ calda del normale. Secondo gli studiosi questa massa acqua e’ legata ad un minore raffreddamento dell’acqua durante l’inverno: nelle ultime due stagioni fredde un’ondata di alta pressione avrebbe mantenuto il mare calmo, rallentando cosi’ la dispersione del calore dall’acqua a contatto con l’aria fredda. La massa d’acqua calda, inoltre, avrebbe avuto ripercussioni anche sulla vita marina, rileva la ricerca, spingendo i pesci a spostarsi in altre zone, con importanti conseguenze sull’ecosistema del Pacifico.