Con l’arrivo del primo caldo si formano le affascinanti “nebbie di mare”: ecco perché

MeteoWeb

La prima vera avvezione calda di stagione sforna le prime “nebbie di mare” sui mari che circondano l’Italia, a causa dei forti contrasti termici fra aria calda e mari ancora freddi

L’insediamento sul bacino centro-occidentale del mar Mediterraneo di un robusto campo di alta pressione, supportato da masse d’aria più calde d’origine sub-tropicali continentali, in risalita dall’entroterra desertico nord-africano, sta favorendo l’insorgere delle prime affascinanti nebbie d’avvezione sopra le fredde acque del Tirreno e in forma molto più isolata sui mari che circondano la Sardegna e la Sicilia. In molti casi si è trattato di banchi piuttosto isolati relegati in mare aperto che solo occasionalmente si sono avvicinati fin sui litorali, grazie all’azione dei deboli venti meridionali. Le nebbie d’avvezione non sono altro che distese di strati sottili che mantengono la base in prossimità del suolo o della superficie marina. Note anche come “nebbie di mare”, quando nascono in alto mare, sono un chiaro sintomo dell’arrivo della primavera e dei primi tepori di stagione.

5427647567_6f60b48200_zLa loro formazione solitamente avviene quando una massa di aria calda e molto umida scorre sopra la superficie marina più fredda. Durante il giorno, quando si attivano i venti termici e le brezze, queste nebbie di mare possono raggiungere la costa e il vicino retroterra, con densi banchi di nebbia che possono produrre drastiche riduzioni della visibilità orizzontale anche in località piuttosto distanti dalle aree litoranee. Sul mar Mediterraneo e sui bacini che circondano l’Italia le nebbie d’avvezione sono molto comuni nella stagione primaverile, allorquando dall’entroterra nord-africano, in genere dal deserto algerino e dalla Libia, iniziano ad affluire masse d’aria, d’estrazione sub-tropicale continentale, piuttosto calde, visto il deciso riscaldamento, indotto dal passaggio zenitale del sole, che fra Marzo e Aprile interessa tutta la fascia sub-sahariana e buona parte dell’immensa distesa desertica del Sahara, con valori termici che sfondano per la prima volta il muro dei +40°C dopo il periodo invernale.

2212314566_01f054c76aProprio in questo periodo dell’anno, i venti di scirocco, ostro e libeccio che risalgono dall’entroterra nord-africano, cominciano a trasportare aria molto più calda che è costretta ad attraversare il “mare Nostrum”, il quale si mostra ancora piuttosto freddo dopo la lunga stagione invernale, raggiungendo le temperature più basse dell’anno, con cifre anche inferiori ai +14°C +13°C, visto che tutto il calore accumulato durante l’estate viene gradualmente smaltito nei mesi invernali. Lungo le coste nord-africane, tra Egitto, Libia, Tunisia e Algeria, i venti che spirano dai quadranti meridionali si presentano piuttosto secchi, polverosi e poveri di umidità. Una volta scivolati sul Mediterraneo, già sopra Malta, tra il Canale di Sicilia e il basso Ionio, le calde correnti africane, provenienti da Sud, tendono ad umidificarsi notevolmente, fino al punto da trasformarsi in venti umidi e carichi di vapore acqueo.

185589-800x600-500x3751L’umidità raccolta e contenuta in seno al flusso caldo, di matrice sub-tropicale (tipica situazione da avvezione calda sul Mediterraneo), scorrendo sopra la più fredda superficie marina, man mano che sale verso nord, tende a rapidamente raffreddarsi, favorendo così la condensazione del vapore acqueo, con la conseguente formazione dei banchi di nebbia in mare, che altro non sono che estesi strati sottili che mantengono la base a pochi metri dalla superficie del mare. Le formazioni nebbiose marittime sono favorite dalla presenza di una debole, se non nulla, circolazione dei venti nei bassi strati (non superiore al forza 3-4 della scala Beaufort), indotta da un campo barico alto e livellato. Sovente queste particolari condizioni generano uno strato d’inversione termica a qualche decina di metri dal mare che imprigiona l’aria umida in prossimità della fredda superficie marina, continuando ad agevolare la condensazione del vapore acqueo in essa contenuto.

Trapani
Trapani

Questo tipo di nebbia è molto frequente nei mesi di Marzo e Aprile sul medio-alto Adriatico, ma anche sulle coste tirreniche, dalla Liguria fino al Lazio e la Campania. In Liguria le “nebbie d’avvezione di mare” si presentano soprattutto nei mesi di Aprile e Maggio, quando una massa di aria umida di provenienza meridionale transita sopra le acque superficiali del mar Ligure che rimangono ancora molto fredde. Ma le “nebbie di mare” sono molto piuttosto frequenti, in Aprile e Maggio, anche in Puglia, in Sardegna, sulle coste campane, calabresi e siciliane, tanto da essere conosciute con varie denominazioni dialettali a secondo dei luoghi. Su tutte la più conosciuta e affascinante è la cosiddetta “Lupa”, fenomeno che appare con un imponente cordone nebbioso che si forma all’interno dello Stretto di Messina e lo avvolge (a volte anche per un periodo di 2-3 giorni) con densi strati sottili che alle volte superano i 200-300 metri di altezza e causano drastiche riduzioni di visibilità, provocando l’interruzione dei collegamenti marittimi fra Messina e Villa San Giovanni. Molto spesso, come in questo caso, il fenomeno nebbioso si presenta quando i massimi di un promontorio anticiclonico, di natura azzorriana, nord-africana o un ibrido fra i due (il famoso anticiclone ibrido sub-tropicale) si spostano verso levante, collocandosi fra la Grecia, l’Egeo e la Turchia.

La "lupa" sullo Stretto di Messina
La “lupa” sullo Stretto di Messina

Lungo il bordo occidentale della struttura anticiclonica si attiva un debole flusso caldo e umido che dalle coste africane risale verso nord, pilotando aria calda nei bassi strati che è costretta a scorrere al di sopra del mare freddo, con un rapido raffreddamento di quest’ultima che trova le condizioni ideali alla condensazione e alla formazione dei banchi di nebbia sul mare.