Ebola: il virus è mutato, ma non è più aggressivo di 40 anni fa

MeteoWeb

L’alto numero di morti nell’attuale epidemia, non è quindi dovuto alle mutazioni

Nonostante le mutazioni subite, il virus Ebola non e’ diventato piu’ aggressivo di quanto lo fosse 40 anni fa. A dimostrarlo e’ un modello informatico innovativo elaborato dai ricercatori guidati da Simon Lovell dell’universita’ di Manchester, per misurare l’aggressivita’ del virus dell’Aids. Pubblicato sulla rivista Virology, lo studio dimostra che l’alto numero di morti provocate da Ebola nell’attuale epidemia, arrivate a oltre 10mila, non e’ quindi dovuto alle mutazioni ed evoluzione del virus che lo hanno reso piu’ letale o virulento. ”Analizzando i dati di ogni epidemia di Ebola dal 1976 – spiega Lovell – siamo stati in grado di rilevare i cambiamenti nell’Rna del virus, e tramite un modello appositamente sviluppato abbiamo potuto prevedere le conseguenze di questi cambiamenti. Abbiamo cosi’ scoperto che nonostante il virus sia mutato, non e’ evoluto al punto di adattarsi per diventare piu’ o meno virulento. La funzione del virus e’ rimata la stessa nell’arco di 40 anni. Cosa che ci ha sorpreso”.

ZumaPress
ZumaPress

Un risultato che, secondo i ricercatori, e’ una buona notizia, perche’ significa che i vaccini e le terapie sviluppati in questa epidemia hanno un’alta probabilita’ di essere efficaci anche in quelle future. Per arrivare a questa conclusione i ricercatori hanno usato un modello informatico sviluppato per analizzare i cambiamenti del virus Hiv-1, che aveva evidenziato i suoi adattamenti all’interno della struttura delle proteine. Si aspettavano un comportamento simile anche per Ebola, ma cosi’ non e’ stato. ”Abbiamo fatto questa ricerca velocemente – aggiunge David Robertson, un altro dei ricercatori – con l’epidemia ancora in corso. I dati sono a disposizione di tutti gratuitamente e la nostra tecnica di analisi e’ un modo sicuro per studiare il virus senza il rischio di essere contagiati. Questo tipo di studi puo’ essere usato per le future epidemie per analizzare cosa accade in tempo reale”.