Festival di Astronomia: domani protagonista la “Particella di Dio”

MeteoWeb

Tra gli oggetti esposti anche un componente originale del superacceleratore Lhc

Il bosone di Higgs, o “particella di Dio”, protagonista domani al Festival Nazionale dell’Astronomia, in svolgimento a Campobasso. Piazzetta Palombo, nel centro storico della citta’, dalle 19 ospitera’ la storia del Cern di Ginevra e di una delle sue scoperte piu’ straordinarie, appunto il bosone di Higgs. Tutto sara’ illustrato dall’installazione “Meet Lhc, 60 anni di Italia al Cern” dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, che gia’ da alcuni giorni troneggia al centro della piazza. “Ha destato la curiosita’ dei passanti – commentano gli organizzatori del Festival – e attirato gli appassionati di fisica veri e propri questa specie di scultura d’arte contemporanea con la quale, attraverso una mostra itinerante, l’Infn celebra 60 anni di Italia al Centro di ricerca internazionale”.

LHCAttraverso un percorso fotografico, l’installazione racconta la storia del laboratorio nei pressi di Ginevra, evidenziando il contributo che l’Italia, grazie all’Infn, ha fornito per il raggiungimento dei suoi successi. Tra gli oggetti esposti anche un componente originale del superacceleratore Lhc, il “Grande collisore di adroni”, un acceleratore di particelle, utilizzato al Cern per ricerche sperimentali, di grande attualita’, anche perche’ riacceso domenica scorsa dopo due anni di consolidamento. Al centro della piazza si parlera’ di tutto questo, alla presenza di esperti e appassionati. Sara’ il ricercatore universitario Francesco Conventi a raccontare l?avventura dell’Italia al Cern e a introdurre il tema della cosiddetta ‘particella di Dio’.