McDonald’s compie 60 anni, il nutrizionista: l’hamburger “non è il demonio”

MeteoWeb

Il prossimo 15 aprile la catena di fast-food americana festeggerà 60 anni di attività

L’hamburger di carne rossa simbolo di di McDonald’s “non è il demonio della salute a tavola, perché se vogliamo anche lo zucchero e la farina possono essere dei nemici della dieta, ma la carne rossa va consumata con moderazione”. Ad affermarlo all’Adnkronos Salute è Pietro Migliaccio, presidente della Società italiana di scienza dell’alimentazione (Sisa). Il prossimo 15 aprile la catena di fast-food americana festeggerà 60 anni di attività. “La nostra ‘Bibbia’ è la dieta Mediterranea, che è diventata anche patrimonio immateriale dell’Umanità – ricorda Migliaccio – quindi un ‘mix’ equilibrato di pane, pasta, legumi, latte e latticini e le proteine, possibilmente di carne bianca.Ma ogni tanto possono anche un hamburger o una fettina di vitello possono far parte di una dieta bilanciata”.

hamburger“Oggi McDonald non offre più solo carne e patatine fritte – osserva l’esperto – in fondo la nostra grande tradizione a tavola ha negli contribuito a far modificare la loro filosofia e questa catena di fast-food si è aperta anche ai piatti mediterranei. La carne è selezionata e sicura – osserva Migliaccio – ma quello che bisogna ricordare è di non esagerare: il limite per la carne rossa è due volte a settimana, non di più. Su 14 pasti a settimana è necessario non fissarsi su poche cose golose ma variare e stare attenti alle porzioni”.