Ricerca: brevettato un composto contro il cancro con una pianta del Molise

MeteoWeb

Da giugno sarà in vendita come integratore alla chemioterapia

Una pianta che cresce in particolare in Molise, il Prunus spinosa trigno, in associazione con una particolare miscela di aminoacidi, ha dimostrato di avere importanti proprieta’ antitumorali: nei test di laboratorio, il composto si e’ rivelato capace di inibire la crescita delle cellule cancerose e di uccidere fino al 78% delle cellule tumorali nei campioni in vitro. Lo dimostra uno studio dell’ Istituto superiore di sanita’, che ha brevettato il composto. Da giugno sara’ in vendita come integratore alla chemioterapia. Lo studio dell’Iss e’ in via di pubblicazione su riviste scientifiche ed e’ stato presentato dalla ricercatrice Stefania Meschini in occasione del IV Congresso internazionale di medicina biointegrata. Lo studio ha evidenziato che l’estratto di prunus, addizionato ad una particolare miscela di aminoacidi, vitamine e minerali (definita Complesso attivatore nutraceutico Can), e’ in grado di fermare la proliferazione delle cellule tumorali e di distruggere tra il 70 ed il 78% delle cellule cancerose in vitro (prelevate da pazienti) negli esperimenti di laboratorio. L’obiettivo e’ arrivare ora alla messa a punto di un nuovo farmaco antitumorale, ma intanto la miscela sara’ a breve disponibile come integratore alle terapie chemioterapiche. Questa ricerca, rilevano gli autori dello studio, apre a nuove interessanti prospettive terapeutiche per vari tipi di tumori partendo proprio dalle proprieta’ di una pianta autoctona italiana.