Ricerca, l’accusa: sempre più inquinata da falsi e plagi

MeteoWeb

“L’inquinamento della scienza e della medicina per plagio, frodi e pubblicazioni selvagge sta corrodendo l’affidabilità della ricerca”

Notte_Europea_dei_RicercatoriLa ricerca? Sempre più inquinata da frodi e plagi. Secondo uno dei maggiori esperti americani di etica medica, Arthur Caplan del Nyu Langone Medical Center, infatti, la comunità scientifica si trova ad affrontare un serio problema di ‘smog intellettuale’ all’interno pubblicazioni accademiche, cosa che rappresenta una grave minaccia per “l’affidabilità, l’utilità e il valore della scienza e della medicina”, scrive in un editoriale sulla rivista ‘Mayo Clinic Proceedings’. In un editoriale, Caplan evidenzia che “l’inquinamento della scienza e della medicina per plagio, frodi e pubblicazioni selvagge sta corrodendo l’affidabilità della ricerca. Eppure, nessuno sta lanciando allarmi seri su questo tema”. Alcuni esempi comprendono la proliferazione di riviste in cui gli autori pagano per far pubblicare i loro articoli, cosa che “rende sempre più difficile discernere gli studi di valore dalla spazzatura,” scrive Caplan. Altrettanto preoccupante la falsificazione dei dati o la loro cancellazione ad arte.