Scienza: a Livorno la settimana internazionale dei robot soft

MeteoWeb

Livorno ospiterà fino al 17 Aprile la “Soft robotics week”, la settimana di eventi scientifici dedicati ai robot soft, come “Octopus” e “Poseidrone” i prototipi realizzati dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa

Le nuove frontiere della ricerca in robotica e in biorobotica sono ‘soft’, morbide, e, fino al 17 aprile, Livorno si candida a diventarne la capitale internazionale grazie alla “Soft robotics week”, la settimana di eventi scientifici e culturali internazionali, dedicati alla robotica soft, durante la quale avvenimenti di carattere scientifico si alterneranno a summer school per dottorandi e promossa dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, con il supporto del Comune di Livorno. Del resto questo genere di robotica si e’ sviluppata proprio nei laboratori della Scuola Sant’Anna, allo Scoglio della Regina, sul lungomare livornese: i primi prototipi sono “Octopus” e “Poseidrone”, ispirati dalla destrezza e dall’agilita’ dei tentacoli del polpo e realizzati con progetti di ricerca coordinati da Cecilia Laschi, ordinario di bioingegneria al Sant’Anna e una delle maggiori esperte internazionali di robotica soft.

????????????????????????????????????Nel corso della Soft Robotics Week nuovi robot e prototipi saranno esposti al Grand Hotel Palazzo insieme a video che documenteranno i piu’ recenti risultati della ricerca, proprio mentre “Octopus”, il “polpo robot” si prepara a rappresentare la Toscana ad Expo 2015. Tra gli eventi piu’ rilevanti ci sono il meeting plenario annuale di ‘Robosoft’ e la Coordination Action finanziata dall’Ue nel prestigioso “Fet Open”, in programma il 15 e il 16 aprile mentre i piu’ recenti risultati della robotica soft made in Italy ci sono quelli coordinati dall’istituto di Biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e che offrono la possibilita’ di impiego in varie situazione, dall’industriali alimentare alla sanita’ chirurgica. ‘Fastt’, ad esempio, e’ un soft robot quadrupede che sfrutta la morfologia del corpo e delle zampe per camminare su ogni tipo di terreno mentre il “soft gripper” e’ una “pinza” soft, in cui le proprieta’ meccaniche progettate permettono prese stabili e adattabili all’oggetto e potenzialmente utili anche all’industria alimentare, ad esempio, per maneggiare la frutta o altri prodotti morbidi e deperibili. Infine, “Stiff-flop” vede al suo interno un “endoscopio a rigidezza variabile” capace di consentire esercitazioni sicure ai chirurghi simulando la “morbidezza” di parti del corpo umano come la laringe. “Leader ed esperti di tutto il mondo – sottolinea Cecilia Laschi – discuteranno a Livorno in sessioni plenarie e con lavori di gruppo le maggiori sfide scientifiche e tecnologiche e le applicazioni per il futuro della ‘soft robotics’, per fornire anche indicazioni alla Commissione Europea. Protagonisti saranno anche e soprattutto gli studenti che impareranno le principali tecnologie della ‘soft robotics’ e costruiranno i loro primi robot soft”. Il programma dettagliato della “Soft Robotics Week” e’ disponibile su www.robosoftca.eu/information/events/soft-robotics-week.