Smog, OMS: costa 1,6 trilioni di dollari l’anno per malattie e morti in UE

MeteoWeb

“Intervenire sugli effetti provocati dall’inquinamento atmosferico sulla salute è una scelta che paga”

L’inquinamento atmosferico grava come un macigno sull’economia dei Paesi Ue. Costa, infatti, ben 1,6 trilioni di dollari l’anno per malattie correlate e di decessi prematuri (600 mila), pari a un decimo del Pil prodotto dall’intera Unione nel 2013. La stima arriva dal primo studio del genere, realizzato dall’Ufficio europeo dell’Oms e dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) e presentato al meeting di Haifa (Israele), dove sono riuniti oltre 200 rappresentanti istituzionali e organizzazioni non governative per discutere di ambiente e Salute nell’Ue. “Intervenire sugli effetti provocati dall’inquinamento atmosferico sulla salute è una scelta che paga – afferma Zsuzsanna Jakab, direttore dell’Ufficio europeo dell’Oms – I Governi dell’Ue devono lavorare insieme nei diversi settori interessati”. Secondo il report dell’Oms, che ha valutato la qualità dell’aria in 53 paesi della regione europea, i soli costi economici dei decessi legati allo smog sono pari a 1,4 trilioni di dollari. Aggiungendo anche l’esborso per le malattie si arriva a 1,6 triliardi. Oltre il 90% dei cittadini è esposto a livelli elevati di inquinamento atmosferico. Questi veleni nell’aria hanno provocato solo nel 2012 – sottolinea il report – 482 mila morti premature dovute a malattie cardiovascolari e respiratorie, tumori al polmone e ictus. “La riduzione dello smog deve diventare una priorità politica – afferma Christian Friis Bach, segretario della Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite (Unece) – un impegno che deve essere al centro della prossima conferenza sull’ambiente dei ministri Ue in Georgia nel 2016”.