Terremoto in Nepal, Croce Rossa: i villaggi vicino all’epicentro rasi al suolo

Cinque giorni dopo il terremoto il bilancio delle vittime accertate è poco sotto le 6mila

La Croce Rossa Internazionale ha detto che praticamente tutte le case dei villaggi nei pressi dell’epicentro del terremoto in Nepal sono state rase al suolo dalla violenza del sisma e si è detta “estremamente preoccupata” per la sorte di migliaia di persone residenti in quelle zone.
Cinque giorni dopo il terremoto il bilancio delle vittime accertate è poco sotto le 6mila, ma in gran parte dell’area della Valle di Kathmandu i soccorsi non sono ancora arrivati.
“Sei squadre della Croce rossa hanno riportato notizie da città e villaggi nei pressi dell’epicentro che hanno subìto una devastazione quasi totale”, si legge in un comunicato, “gli abitanti sono in una situazione disperata”.
“Uno dei nostri gruppi è tornato da Chautara nel distretto di Sindupalchowk dove il 90% delle case è stato distrutto”, ha detto Jagan Chapagain. “Anche l’ospedale è raso al suolo e la gente scava nelle macerie con le mani sperando di trovare i familiari ancora vivi”. “Crediamo che la situazione sia identica se non peggiore anche in altri posti dove gli aiuti non sono ancora arrivati”.