Terremoto in Nepal: gli italiani bloccati su Everest e Dhaulagiri

MeteoWeb

“Cambiano le priorità, adesso il vero obiettivo è capire come scendere da qui e non più salire. Non sappiamo cosa ci aspetta nei villaggi sottostanti”

Ci sono anche due alpinisti italiani bloccati al campo base dell’Everest dopo il violento terremoto che ha provocato almeno 10 morti tra le varie cordate presenti. Si tratta del milanese Marco Zaffaroni e del suo compagno Roberto Boscato che stavano tentando la conquista della vetta con uno sherpa. Sulla pagina Facebook della loro spedizione, ‘Everest 2015 in stile gitante’, si leggono le poche notizie al momento disponibili, viste le difficoltà di comunicazione. “Siamo bloccati al Campo Uno senza più una tenda ma ospiti delle spedizioni commerciali. Domani vedremo il da farsi, vi preghiamo però di non contattarci perché la batteria del satellitare potrebbe essere di importanza vitale”, scrivono. Anche un altro italiano, Luca Olivotto, che aveva accompagnato Zaffaroni e Boscato all’Island Peak, è al sicuro a Namche Bazar dopo che ieri si era allontanato dal Campo Base dell’Everest. L’alpinista Marco Confortola, invece, è bloccato al campo base del Dhaulagiri a quota 4750 metri.

Mount_Everest_as_seen_from_Drukair2_PLW_edit“Ero in tenda quando tutto ha cominciato a muoversi. Ho subito pensato ‘speriamo che questa scossa non sia arrivata a Katmandu perché sarebbe un disastro’. Tengo duro fino a quando ha senso ma il bene più prezioso e la vita quindi quando non ha più senso si torna a casa”, ha affermato questa mattina in una intervista accennando anche alle notizie che gli erano giunte di alcuni dispersi al campo base dell’Everest. Nel pomeriggio Confortola, molto noto nel mondo dell’alpinismo italiano per la sua esperienza, ha scritto su Facebook: “Amici, cambiano le priorità, adesso il vero obiettivo è capire come scendere da qui e non più salire. Non sappiamo cosa ci aspetta nei villaggi sottostanti. Abbiamo sufficiente cibo per rimanere al campo base per non distogliere l’uso degli elicotteri impegnati in situazioni ben peggiori della nostra. Abbiamo appreso la notizia dei tanti morti e dei feriti che sono stati coinvolti in tutto il Nepal, rivolgiamo una preghiera a tutti loro. Adesso con calma cercheremo di capire come comportarci e come poter scendere. So che il disastro è anche all’Everest e un pensiero va anche ai molti amici che si trovano li”.