Terremoto Nepal: escursionisti novaresi bloccati in un rifugio ad alta quota

MeteoWeb

I tre escursionisti italiani stanno bene, lo hanno comunicato grazie ad un telefono cellulare ancora attivo in loro possesso

Restano bloccati in un rifugio a 2.850 metri di altitudine, ma stanno tutti bene tre escursionisti novaresi sorpresi dal terremoto nel corso di un trekking nel Nepal. Chiara Alleva, 27 anni, Stefano Allesina, 26 anni, di Armeno (Novara) e Daniele Balocco, 32 anni, di Gattinara (Novara) stanno centellinando l’uso del cellulare ancora attivo e lo utilizzano a turno per brevi comunicazioni via sms con i famigliari. L’ultimo messaggio e’ arrivato questa mattina alla madre della giovane donna, Tiziana Ferigo: “Ci ha confermato che stanno bene, sono in una localita’ sopra il piccolo aeroporto di Lukla e aspettano indicazioni dalla Farnesina su come muoversi. Al rifugio il gruppo si e’ fatto numeroso, sono stati raggiunti da un’altra quindicina di escursionisti – continua la mamma di Chiara -. Ora non ci resta che aspettare”. Attesa anche alla rubinetteria a casa di Allesina: “Non ci sono novita’ – dice il padre -, non possiamo far altro che attendere che possano ripartire per l’Italia”.