Allerta Meteo della Protezione Civile: la Romagna rischia ancora

MeteoWeb

“Sono possibili innalzamenti dei livelli dei corsi d’acqua principali e criticità diffuse sul reticolo idrografico minore”

La Romagna rischia di nuovo di finire sott’acqua, come accaduto per la forte mareggiata di inizio febbraio. La Protezione civile regionale ha infatti diramato una nuova allerta per l’attivazione, dalle 14 di oggi, dello stato di preallarme di criticita’ idraulica nelle province di Rimini, Forli’-Cesena e Ravenna. L’allerta, spiega la Regione in una nota, e’ stata diramata sulla base delle previsioni di Arpa, “che prevedono un’intensificazione delle piogge con probabili situazioni di piene fluviali per i bacini delle zone interessate”. In particolare, “sono possibili innalzamenti dei livelli dei corsi d’acqua principali e criticita’ diffuse sul reticolo idrografico minore”. Nelle pianure di Forli’ e Ravenna, la Protezione civile mette in guardia dal “possibile superamento della soglia 3”, il che significa “elevata criticita'”. Nell’area che corrisponde alle vallate del Lamone e del Savio, invece, “e’ possibile il superamento della soglia 2”, ovvero “moderata criticita'”, con “eventuali danni alle opere idrauliche, abitazioni, cantieri e attivita’ in prossimita’ di fiumi e canali”. L’Agenzia regionale di Protezione civile sta seguendo l’evolversi della situazione assieme ad Arpa e in raccordo con Prefetture, Vigili del fuoco, Servizi tecnici di bacino, Consorzi di Bonifica, Province e Comuni. La raccomandazione ai cittadini e’ di “non sostare in prossimita’ di argini e ponti, di non accedere a moli e dighe foranee e di prestare attenzione agli avvisi forniti dalle autorita’ locali”. Su tutto il resto della regione prosegue fino alle 12 di domani, sabato 23 maggio, la fase di preallarme per vento, temporali, criticita’ idraulica ed idrogeologica e stato del mare.