Allerta Meteo, la goccia fredda scivola verso sud: scocca l’ora dei temporali sulla Sicilia [LIVE]

MeteoWeb

La circolazione depressionaria raggiunge la Sardegna per portarsi verso sud, il maltempo sta per investire il meridione con forti temporali sulla Sicilia

Le spettacolari immagini satellitari delle ultime ore mostrano come il vortice depressionario in quota, ossia un “CUT-OFF” colmo in quota di aria piuttosto fredda d’estrazione nord oceanica, stia scivolando dal mar di Sardegna al Canale di Sardegna, determinando un progressivo infittimento del “gradiente barico orizzontale” sui mari che circondano l’Italia meridionale.

Lo spettacolare riccio del "CUT-OFF" ora sul mar di Sardegna
Lo spettacolare riccio del “CUT-OFF” ora sul mar di Sardegna

Come è facile riscontrare dalle immagini satellitari, inoltre, i massimi di vorticità positiva in quota si trovano posizionati fra il settore più meridionale del mar di Sardegna e il Canale di Sardegna, dove vanno ad alimentare un marcato “forcing” convettivo, favorendo lo sviluppo di vari sistemi temporaleschi che stanno originando dei temporali sparsi, ora in azione sulla Sardegna e mari limitrofi. Al contempo l’aria fredda che alimenta il “CUT-OFF”, soprattutto nella media troposfera, scorrendo sopra il “cuscino d’aria calda e umida” preesistente nei bassi strati genererà un forte “gradiente termico verticale”, capace di attivare una diffusa attività convettiva, con lo sviluppo di numerose “Cellule temporalesche” e locali sistemi temporaleschi a mesoscala che si svilupperanno fra il mar di Sardegna, il Canale di Sardegna e il settore più occidentale del basso Tirreno, per trasferirsi successivamente sulla Sicilia occidentale già da stanotte e domani sul resto del centro-sud, con fenomeni localmente anche di forte intensità.

EUMETSAT_MSG_RGB-12-12-9i-segment14Proprio sulla Sicilia, durante il passaggio del fronte freddo e dei massimi di vorticità positiva in quota, si attendono i fenomeni più intensi, con il rischio di locali nubifragi che potrebbero causare temporanei allagamenti e la rapida piena di fiumi e torrenti. La circolazione depressionaria chiusa in quota, pur cominciando ad allentarsi causa un rialzo del campo di geopotenziale sul Mediterraneo occidentale, nel corso delle prossime 12 ore si sposterà fra il settore più occidentale del basso Tirreno e il Canale di Sicilia, dove si posizioneranno anche i massimi in quota della vorticità potenziale, in fase di spostamento verso la Sicilia e il settore orientale del Canale di Sicilia.

40Difatti, proprio domani, i temporali più intensi interesseranno la Sicilia e la Calabria meridionale, proprio per l’insistenza del nucleo di vorticità positiva facente capo alla depressione in quota che imprimerà un intenso “forcing” dinamico in quota, capace di stimolare una vivace attività convettiva, già ben supportata dalla presenza di un forte “gradiente termico verticale”, fra il nocciolo di aria molto fredda collegato al “CUT-OFF” e lo strato di aria più calda e molto umida presente in prossimità del suolo. Un mix davvero esplosivo che potrebbe fungere da miccia per lo scoppio di fortissimi moti convettivi, in grado di sfornare imponenti sistemi convettivi alla mesoscala sufficientemente sviluppati per dare la stura a forti temporali ed occasionali episodi grandinigeni.

Per monitorare la situazione in diretta, ecco le nuove pagine del nowcasting di MeteoWeb: