Ambiente: in Europa oltre la metà delle specie protette sono a rischio

MeteoWeb

Rispetto agli habitat, sono praterie, zone umide e dune a suscitare “particolare preoccupazione”

Oltre la meta’ delle specie di flora e fauna protette in Europa non gode di buona salute. Bilancio negativo anche per oltre tre quarti degli habitat e il 32% degli uccelli, che nel 17% dei casi risulta minacciato e per un altro 15% e’ in declino. E’ quanto emerge dall’ultimo rapporto della Commissione europea, State of the Nature, che prende in considerazione i dati raccolti sulla salute della biodiversita’ da parte degli Stati membri dell’Ue fra 2007 e 2012, in relazione alle direttive Habitat e Uccelli. Secondo il rapporto, “le condizioni complessive di specie e habitat nell’Ue non e’ cambiato significativamente nel periodo 2007-2012”, dove in entrambi i casi spesso lo stato di salute non e’ favorevole e “continua a deteriorarsi ancora di piu'”. Di conseguenza, si legge nel documento, “sono necessari maggiori sforzi di conservazione” per evitare la continua perdita del patrimonio naturale in Europa. Il rapporto “mostra la portata delle sfide ancora rimaste” ha commentato il commissario europeo all’ambiente, Karmenu Vella. “Dobbiamo essere in grado di rispondere a queste sfide, perche’ la salute della nostra natura si lega a quella dei cittadini europei e alla nostra economia” ha concluso Vella. Rispetto agli habitat, sono praterie, zone umide e dune a suscitare “particolare preoccupazione”. Ad esercitare maggiori pressioni sulla biodiversita’ in Europa sono le pratiche agricole, i cambiamenti della disponibilita’ e qualita’ dell’acqua, ma anche il sovrasfruttamento e l’inquinamento dell’ambiente marino.