Clima: eliminando i motori diesel nell’Artico la temperatura calerebbe

MeteoWeb

Utilizzando dei modelli numerici validati con dati climatologici, gli studiosi hanno quantificato l’impatto climatico delle emissioni di polveri sottili dai motori diesel circolanti su strada

Se venissero completamente eliminati i motori diesel dalle strade, nell’Artico la temperatura calerebbe di almeno 1 C durante la stagione primaverile, che e’ la piu’ critica per l’inizio dello scioglimento dei ghiacci polari. Lo hanno calcolato i ricercatori guidati da Giovanni Pitari, dell’universita’ dell’Aquila, in uno studio pubblicato sulla rivista Atmosphere. Utilizzando dei modelli numerici validati con dati climatologici, gli studiosi hanno quantificato l’impatto climatico delle emissioni di polveri sottili dai motori diesel circolanti su strada. Il riscaldamento globale e’ causato da un progressivo aumento nella concentrazione atmosferica di gas serra ben mescolati (anidride carbonica, metano, protossido di azoto) e da un aumento di inquinanti a vita breve, come ozono troposferico e il cosiddetto Black carbon (bc). Dal punto di vista climatico, l’Artico e’ la regione piu’ vulnerabile del pianeta: l’aumento della temperatura e’ mediamente 2-5 volte maggiore rispetto alle altre regioni del Terra. In particolare, l’oceano rappresenta il maggior pozzo di distruzione per l’anidride carbonica e lo scioglimento dei ghiacci artici, prodotto dal riscaldamento globale, riduce l’efficienza di mescolamento verticale delle acque oceaniche superficiali con quelle profonde, e di conseguenza la capacita’ dell’oceano di assorbire la Co2. Per via della circolazione atmosferica globale, nell’Artico arrivano degli inquinanti a vita breve emessi da Nord-America, Europa ed Asia. E il Black carbon determina un effetto di annerimento delle nevi, accelerando il riscaldamento locale e globale. I ricercatori dell’ateneo aquilano hanno cosi’ quantificato l’effetto di mitigazione climatica ottenibile da una cancellazione totale delle emissioni di bc dai motori diesel su strada, scoprendo che una ipotetica completa riconversione dei motori diesel su strada porterebbe ad una diminuzione di temperatura nell’Artico di almeno 1 C in primavera.