Clima: l’Oceano Indiano sta immagazzinando il calore dell’Oceano Pacifico

MeteoWeb

I ricercatori hanno scoperto che il calore ‘nascosto’ dal Pacifico era arrivato nell’arcipelago indonesiano, finendo nell’Oceano Indiano

L’oceano indiano sta immagazzinando il calore dal riscaldamento globale: e’ proprio in queste acque che e’ stato trasferito il surplus di calore accumulato dall’Oceano Pacifico durante il periodo del rallentamento del riscaldamento superficiale. A dirlo e’ uno studio da ricercatori americani, tra cui scienziati del Noaa (l’agenzia federale Usa che si occupa di meteorologia), secondo cui l’Oceano Indiano ha visto un aumento senza precedenti nell’ultimo decennio a causa del calore trasferito dal Pacifico. La ricerca, pubblicata su Nature Geoscience, si basa su una serie di studi. I ricercatori hanno scoperto che il calore ‘nascosto’ dal Pacifico era arrivato nell’arcipelago indonesiano, finendo nell’Oceano Indiano. Negli ultimi 15 anni, i cambiamenti nei venti del Pacifico hanno aiuto questo oceano ad ‘accumulare’ piu’ calore. Ma poi, sorprendentemente, le temperature hanno iniziato a diminuire dal 2003. Al contrario nello stesso anno ha iniziato ad aumentare la temperatura dell’Oceano Indiano. Secondo gli studiosi, durante la recente ‘pausa’ del riscaldamento, i venti alisei nel Pacifico e nell’Oceano indiano sono aumentati; questo ha modificato la pressione inter-oceanica e il cosiddetto ‘throughflow indonesiano’, un sistema di correnti che portano l’acqua dal Pacifico verso l’Oceano Indiano.