Ebola: gli esperti ONU criticano l’OMS, la risposta fu troppo lenta

MeteoWeb

Secondo gli esperti, “ci sono state gravi lacune, nei primi mesi dell’epidemia, nel rapportarsi con le comunità locali”

La risposta dell’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms) all’epidemia di ebola nell’Africa occidentale e’ stata troppo lenta: e’ la critica mossa da un gruppo di esperti in un rapporto indipendente sollecitato dall’Onu. “Non e’ ancora chiaro perche’ i primi allarmi, approssimativamente tra maggio e luglio 2014, non abbiano portato a una risposta efficace e adeguata”, si sottolinea nel rapporto. L’Oms dichiaro’ l’emergenza ebola l’8 agosto, dopo l’esplosione dell’epidemia in tre Paesi dell’Africa occidentale, Guinea, Liberia e Sierra Leone, dove sono morte piu’ di 11mila persone. Secondo gli esperti, “ci sono state gravi lacune, nei primi mesi dell’epidemia, nel rapportarsi con le comunita’ locali”. “Data la vasta esperienza dell’Oms sulle epidemie, la promozione della salute e la mobilitazione sociale, e’ sorprendente che abbia impiegato fino ad agosto o a settembre del 2014 per riconoscere che la diffusione dell’ebola sarebbe stata messa sotto controllo solo quando fossero state applicate allo stesso tempo sorveglianza, mobilitazione delle comunita’ e un’adeguata assistenza sanitaria”, hanno avvertito gli esperti che hanno concluso come “al momento, l’Oms non abbia la capacita’ operativa o la cultura per assicurare una piena risposta a un’emergenza sanitaria pubblica”. A guidare lo studio e’ stata Barbara Stocking, ex amministratore delegato dell’Oxfam.