Ebola, Oms: la mancanza d’acqua rende una sfida anche lavare le mani

MeteoWeb

In Sierra Leone l’Oms sta lavorando con gli amministratori locali per fornire un accesso sicuro e continuo all’acqua e il potersi strofinare le mani con l’alcol nei punti di cura dei pazienti

Nei paesi colpiti da Ebola, la mancanza di acqua corrente rende una sfida anche l’igiene delle mani. Una misura fondamentale per evitare la trasmissione di infezioni, come ricorda l’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms), in occasione della Giornata mondiale dell’igiene delle mani, che si celebra oggi. In Sierra Leone l’Oms sta lavorando con gli amministratori locali per fornire un accesso sicuro e continuo all’acqua e il potersi strofinare le mani con l’alcol nei punti di cura dei pazienti. Non solo in Sierra Leone, ribadisce l’Oms, ma in tutto il mondo, quello di lavarsi le mani e’ un gesto semplicissimo e molto importante per bloccare le infezioni nelle strutture sanitarie, ed e’ necessario che gli operatori sanitari si puliscano constantemente le mani in modo appropriato. Per i paesi in cui l’acqua scarseggia, l’Oms ha elaborato una guida in cui spiega agli ospedali come realizzare da se’ una speciale formula low cost, a base di alcol, glicerolo e acqua ossigenata, per frizionare e pulirsi le mani, in modo da superare il problema.