Etna, gli esperti dell’INGV illustrano tutti i dettagli sull’eruzione che si è conclusa nel weekend

MeteoWeb

Etna, l’eruzione dei giorni scorsi è iniziata nella notte tra l’11 e il 12 maggio e s’è conclusa sabato 16

L’episodio eruttivo al Nuovo Cratere di Sud-Est dell’Etna, che era in corso dalla notte tra l’11 e il 12 maggio 2015, si è concluso nella giornata del 16 maggio 2015. L’attività esplosiva alle bocche in cima al Nuovo Cratere di Sud-Est aveva cominciato a mostrare una marcata riduzione nel tardo pomeriggio del giorno precedente, e l’attività effusiva si è gradualmente esaurita durante il 16 maggio. La cessazione dell’attività esplosiva è stata accompagnata da una consistente riduzione dell’ampiezza del tremore vulcanico; dopo la fine dell’attività effusiva la sorgente del tremore vulcanico si è approfondita, stabilizzandosi in una posizione sotto il centro dell’area sommitale.

ECBD_hhzL’attività esplosiva di questo episodio è stata caratterizzata da frequenti esplosioni stromboliane, che periodicamente venivano accompagnate da emissioni di cenere vulcanica. La nube di cenere si è alzata poche centinaia di metri sopra la cima dell’Etna prima di essere dispersa dal vento. Nei settori meridionale, sud-orientale, orientale e nord-orientale, si sono osservate leggeri ricadute di cenere.

eruzione etna foto Rosario Patanè (7)
foto Rosario Patanè

Dopo l’apertura della fessura eruttiva sul fianco nord-orientale del cono del Nuovo Cratere di Sud-Est, nel pomeriggio del 13 maggio, tutta l’attività effusiva è avvenuta dalle bocche allineate lungo questa fessura, alimentando una singola colata lavica, che si è riversata verso nord-est in direzione di Monte Rittmann, e poi verso est in direzione di Monte Simone. Dopo aver circondato Monte Simone, la colata si è espansa verso sud-est in due rami principali. Uno di essi si è accostato alla base della parete settentrionale della Valle del Bove, arrestandosi a nord di Rocca Musarra, mentre l’altro, più largo, si è espanso ad ovest di Rocca Musarra, fino ad una distanza di poco più di 5 km dal Nuovo Cratere di Sud-Est, ed una quota di circa 1700 m.

Nella tarda mattinata del 15 maggio, si sono inoltre osservate alcune emissioni di cenere dalla Bocca Nuova. Dalle registrazioni delle telecamere termiche dell’INGV-Osservatorio Etneo è evidente che questo materiale era freddo, e la cenere ricaduta sul versante nord-orientale dopo questi eventi consisteva in materiale vecchio ed alterato.