Expo 2015: 8500 m² di Parco della biodiversità tra natura e cultura

MeteoWeb

Il Biodiversity Park è un viaggio all’interno delle tante opportunità che la biodiversità e l’agricoltura biologica offrono per Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita

Biodiversity Park sbarca a Expo 2015 su 8.500 metri quadri di spazio. Nato dalla collaborazione tra Expo, BolognaFiere, ministero dell’Ambiente, ministero delle Politiche agricole e Federbio, il parco si presenta con un teatro e due padiglioni, quello del biologico e quello dedicato alla Mostra delle Biodiversita’. E’ qui che saranno valorizzate le eccellenze italiane ambientali, agricole e agroalimentari attraverso un percorso che racconta l’evoluzione e la salvaguardia della biodiversita’ agraria anche grazie a un palinsesto di eventi, incontri ed esperienze multimediali. L’obiettivo di BolognaFiere nella realizzazione del Parco e nella Partnership con Expo, grazie anche all’esperienza nell’organizzazione di Sana, il Salone Internazionale del Biologico e Naturale, e’ quello di valorizzare le eccellenze italiane, dell’agricoltura, dell’impresa e dell’associazionismo legato al rispetto della natura permettendo a queste realta’ di essere protagonisti di un’Area Tematica fondamentale dell’Esposizione Universale. Il Biodiversity Park e’ quindi un viaggio all’interno delle tante opportunita’ che la biodiversita’ e l’agricoltura biologica offrono per Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita.

PLANIMETRIA-GENERALE-CON-SCRITTEI visitatori hanno l’occasione di vivere esperienze, di essere protagonisti di percorsi unici e di racconti autentici, dedicati ai grandi temi di alimentazione e di futuro del Pianeta, delle sfide globali per assicurare nutrimento e sviluppo sostenibile, attraverso il rispetto della natura. Nel Biodiversity park e’ presente anche la Confederazione italiana degli agricoltori, che ha sempre fatto della difesa della biodiversita’ e della diffusione delle coltivazioni biologiche il punto qualificante della sua azione. La Cia presentera’ prodotti e aziende testimoni della biodiversita’ e della coltivazione biologica, e dara’ numerose dimostrazioni pratiche. Il Biodiversity Park si sviluppa su due grandi ambienti: uno si trova all’esterno e il visitatore potra’ passeggiare e vivere i paesaggi della biodiversita’ italiana; l’altro ambiente si trova al chiuso e qui il viaggio prosegue attraverso la Mostra della Biodiversita’ e attraverso il Padiglione del biologico e del naturale. La mostra, che si snoda in nove ambienti principali dalla forma circolare, e’ stata realizzata dal Comitato scientifico di Expo ed e’ strutturata in nove sezioni: introduzione al tema; Wild, la biodiversita’ prima dell’avvento dell’agricoltura; domesticazione, coltivazione e agro-biodiversita’; i grandi viaggi; le rotazioni agrarie; la rivoluzione verde; oltre la rivoluzione verde; innovazione, tecnologie, e un futuro che e’ gia’ adesso. L’ultima sezione pone, invece, una domanda: “e quindi?”. Per trarre cosi’ le conclusioni. Il Padiglione dedicato al mondo biologico e’ strutturato in sei aree tematiche, sei tappe narranti per sei settori chiave e simbolo del nostro Paese. Ciascuna area racconta il legame tra la terra e i suoi prodotti, che altro non sono se non gli alimenti che utilizziamo quotidianamente: Semi, cereali, legumi e derivati; Frutta, ortaggi e trasformati; Olio e vino; Prodotti da allevamento; Erboristeria, integratori, benessere; Servizi, tecnologie, formazione, certificazione. Per ciascuna area vengono narrate le eccellenze, le storie di agricoltori che con impegno, passione e innovazione aiutano a salvaguardare gli ecosistemi naturali e la biodiversita’ sia all’interno sia all’esterno dell’azienda agricola. Viene dato spazio ai prodotti alla loro coltivazione e alle tecniche innovative e piu’ tradizionali per il mantenimento di un rapporto equilibrato tra uomo e natura che e’ alla base del Biologico e dell’eco-sostenibilita’. Infine in un Auditorium, denominato “Centro della Terra”, prendera’ vita un programma di incontri, di conferenze, talk show, dimostrazioni, lectio magistralis in un vero e proprio teatro multimediale.