Expo 2015: padiglione a forma di copricapo agricolo tradizionale, è l’idea della Thailandia [FOTO]

  • Daniele Mascolo
    Daniele Mascolo
  • Daniele Mascolo
    Daniele Mascolo
  • Daniele Mascolo
    Daniele Mascolo
  • OBA
    OBA
  • OBA
    OBA
  • OBA
    OBA
/
MeteoWeb

Il padiglione “Thai” si ispira agli elementi del culto  buddista e della tradizione agricola tailandese

Il padiglione “Thai” si sviluppa su tre piani per un’altezza complessiva di circa 15 m, occupa una superficie totale pari a circa 3.000 mq ed è costituito fondamentalmente da tre porzioni immediatamente distinguibili. La rampa di accesso incolonna i visitatori e li porta all’edificio principale riprendendo nel disegno le simbologie divine ti piche della tradizione buddista. Il corpo centrale “Ngob”, riassume il carattere simbolico di tutto il progetto: la forma evoca il tipico copricapo degli agricoltori thailandesi e costituisce la copertura della hall d’ingresso e della sala espositiva al primo piano. In ultimo, l’edificio adibito a sale espositive contiene un largo open space e la sala adibita ad auditorium per una capienza complessiva di 250 persone. Le strutture in elevazione sono realizzate interamente in carpenteria metallica di qualità S275; a costituire l’ossatura del padiglione sono travi HE, IPE e UPN, oltre a profili cavi a sezione circolare e controventi in tubolari rettangolari.

Daniele Mascolo
Daniele Mascolo

La passerella di accesso “Naga” presenta telai in acciaio a sostegno del piano di camminamento e delle coperture, a verde per la parte adibita a negozi e in policarbonato per la zona di passaggio.  Nell’edificio principale i piani sono costituiti da impalcati metallici con solette in lamiera grecata con getto di completamento e sono sostenuti da colonne in acciaio disposte su una maglia irregolare che si adatta al progetto architettonico. In ultimo, la struttura denominata Ngob è costituita da una struttura a forma di tronco di cono in cui le colonne disposte lungo il perimetro risultano unite da travi così da formare, ad ogni piano, degli anelli di irrigidimento. Al termine dell’esposizione, le strutture metalliche saranno smantellate e recuperate presso centri autorizzati. Le tecniche ed i materiali utilizzati rientrano nella norma di quelli che altrettanti progetti dei padiglioni di diversi paesi hanno utilizzato. Le informazioni tecniche sono state rese disponibili da Fondazione Promozione Acciaio che col progetto Steel Feeds Innovation ha riunito 19 realtà aziendali del comparto in occasione di Made Expo e ha presentato significativi progetti di Expo Milano 2015 per i quali è stata fondamentale la scelta dell’acciaio.