Expo, il punto dopo 7 giorni: è già un successo, grande affluenza e molte “luci” con qualche “ombra”

  • MaxPPP/Lapresse
    MaxPPP/Lapresse
  • MaxPPP/Lapresse
    MaxPPP/Lapresse
  • MaxPPP/Lapresse
    MaxPPP/Lapresse
  • MaxPPP/Lapresse
    MaxPPP/Lapresse
  • MaxPPP/Lapresse
    MaxPPP/Lapresse
  • MaxPPP/Lapresse
    MaxPPP/Lapresse
  • MaxPPP/Lapresse
    MaxPPP/Lapresse
  • MaxPPMaxPPP/LapresseP/Lapresse
    MaxPPMaxPPP/LapresseP/Lapresse
/
MeteoWeb

Grande affluenza nella prima settimana dall’Expo 2015 di Milano: tante scuole ma anche qualche lavoro ancora in corso

A una settimana dall’apertura ufficiale, il bilancio di Expo si chiude con molte luci, in alcuni casi addirittura piu’ luminose di quanto gli organizzatori potessero attendersi, e qualche ombra, dovuta ai lavori ancora in corso per terminare alcuni spazi. “Il dato positivo – dicono a Expo – e’ certamente la grande affluenza. Decisamente superiore alle attese”. Nei primi due soli giorni – anche se i numeri non sono confermati ufficialmente – le persone che hanno visitato il sito sono state quasi mezzo milione; a una settimana dall’evento “la stima e’ ulteriormente aumentata, ma numeri preferiamo non farne”. Moltissime le scolaresche: i soli biglietti venduti superano quota 20 mila, senza tener conto dei tanti tour operator.

MaxPPP/Lapresse
MaxPPP/Lapresse

“Le promesse sono incoraggianti. Considerando i biglietti prenotati possiamo dire che ne attendiamo almeno due milioni”. Quasi la totalita’ dei padiglioni sono aperti e funzionanti, l’atmosfera e’ generalmente di euforia e non si registrano episodi negativi. Fin qui le note positive. Quelle negative, invece, riguardano alcuni padiglioni ancora incompleti. Pochi, ma ci sono. C’e’ quello del Nepal, in ritardo per ovvie ragioni: gli operai lavorano incessantemente sotto gli occhi dei visitatori. Ci sono quelli dei Paesi piu’ poveri: Sudan, Gabon, Costa d’Avorio, Cuba. In quello del Sudan manca ancora il previsto ristorante, mentre nel cluster del cacao, dove si trovano Camerun, Costa D’Avorio e Gabon, gli spazi sono ancora inaccessibili ai visitatori. Nel cluster del caffe’ una guida mostra il processo produttivo del caffe’ agli studenti attraverso un video multimediale.

MaxPPP/Lapresse
MaxPPP/Lapresse

Gli allestimenti sono quasi terminati ma resta ancora chiuso lo spazio dello Yemen. Aprira’ – dicono – tra domani e dopodomani. Da Burundi ed Etiopia i prodotti non sono mai partiti verso Milano, mentre quelli della Tanzania sono bloccati da giorni in dogana. “Il mancato arrivo degli arredi dai luoghi di origine – fanno sapere all’Expo – riguarda alcuni dei Paesi piu’ poveri o lontani. Bisogna considerare le loro difficolta’ logistiche”. Resta lontana l’apertura del cluster del Biomediterraneo. La struttura non e’ in sicurezza qualora piovesse, e i prodotti di alcuni Paesi (Malta, Grecia e Montenegro) non sono ancora arrivati e gli stand sono semi vuoti. La mancata apertura di alcuni spazi non e’ l’unica criticita’. Anche la segnaletica e la fruibilita’ di alcuni spazi in molti casi vengono giudicate insufficienti. “L’evento e’ troppo dispersivo, per gli studenti in molti casi non sono stati pensati percorsi davvero formativi” dicono i docenti di due scolaresche dell’istituto San Tommaso d’Aquino di Reggio Emilia in visita oggi al sito. Di diverso avviso la scolaresca dell’istituto Pellezzano di Salerno. “E’ bellissimo, sia i ragazzi sia noi insegnanti siamo entusiasti – dice Gerardo Borono, che ha accompagnato i suoi studenti in visita al Padiglione Italia -. Per vedere tutto dovremmo restare una settimana”.