Expo: la pioggia oscura il Cirque du Soleil e scoraggia gli spettatori

MeteoWeb

A fare maggiormente le spese delle condizioni meteo sarebbero proprio le vendite dei biglietti per ‘Alla Vita’

La pioggia frena il Cirque du Soleil a Expo 2015. Potrebbe sembrare banale, ma il brusco cambio del tempo, con piogge e temperature tornate ai livelli autunnali, pesa sull’afflusso di pubblico, sensibilmente diminuito rispetto alle prime due settimane di maggio. Secondo quando affermano fonti interne all’Expo, a fare maggiormente le spese delle condizioni meteo sarebbero proprio le vendite dei biglietti per ‘Alla Vita’, lo spettacolo che la compagnia canadese ha ideato in esclusiva per l’esposizione milanese. Certo, l’inizio non è stato dei più incoraggianti, considerando il fatto che l’inaugurazione si sarebbe dovuta tenere la sera dello scorso 15 maggio. E proprio a causa del brutto tempo è stata rinviata al giorno successivo. Expo 2015, per policy, non diffonde dati ufficiali; tuttavia, sottolineano alcuni addetti, “i picchi di pubblico hanno subito effettivamente un calo negli ultimi giorni, soprattutto nelle ore serali”. La location che ospita lo show, l’Open Air Theatre, è suggestiva, ma è come dice il nome stesso un anfiteatro all’aperto e le incognite dovute ai capricci del tempo in questi casi non dovrebbero creare eccessive preoccupazioni. “La differenza nel numero degli ingressi – puntualizzano gli addetti – non è comunque così sensibile e l’afflusso resta sempre a livelli consistenti. Si parla mediamente di 10-15mila visitatori al giorno nel solo gate ovest”. Quando piove, “si conta qualche migliaio di persone in meno”. Le date, inoltre, giocano in favore dello show, dato che gli esperti prevedono il ritorno del caldo a partire dall’inizio di giugno. Fino al 30 agosto, dunque, giorno di chiusura dello spettacolo, tutto dovrebbe svolgersi regolarmente.