Francia: lavoratori stressati, è allarme “burnout”

MeteoWeb

“Le nuove condizioni di lavoro esauriscono e a volte sconvolgono migliaia di dipendenti”

In Francia, i casi di ‘burnout’, crollo nervoso o depressivo per eccesso di stress sul lavoro, sono costantemente aumentati negli anni della crisi, e il numero di persone a rischio supera i 3 milioni. Per questo, il deputato socialista ed ex ministro dell’Istruzione Benoit Hamon ha presentato un emendamento alla riforma il dialogo con le parti sociali, in discussione all’Assemblea nazionale, per chiedere che questa “sindrome da esaurimento lavorativo” sia riconosciuta come malattia professionale, per migliorare i meccanismi di prevenzione e di assistenza a chi la subisce. “Le nuove condizioni di lavoro esauriscono e a volte sconvolgono migliaia di dipendenti”, spiega Hamon in un’intervista a Liberation, auspicando che con questo provvedimento si possa “obbligare le aziende a pagare per i danni che provocano sulla salute dei dipendenti”, e che questo costo sia “dissuasivo”.