“Freescoo”: ecco il primo condizionatore ad energia solare

MeteoWeb

Riduce la dipendenza energetica e le emissioni di gas serra

Fresco in casa grazie al sole? Da oggi si può, grazie al primo condizionatore ad energia solare. Quella che, solo in apparenza sembra una contraddizione, consentirà, in realtà, un risparmio in bolletta senza produrre emissioni inquinanti. Il dispositivo in questione, che si chiama Freescoo, racchiude in un solo sistema: trattamento dell’aria, climatizzazione, deumidificazione e raffreddamento; può essere usato anche in assenza di elettricità, in modalità off-grid, e vanta la capacità del controllo della temperatura e dell’umidità dell’ambiente in cui si si trova, garantendo il ricambio dell’aria.

FREESCOOConsiderando che gli edifici e i relativi impianti di climatizzazione sono responsabili del 40% del consumo globale di energia e del 36% delle emissioni di CO2, le ultimissime tecnologie, utilizzando l’energia contenuta nell’acqua, nell’aria, nel suolo e nel sole, puntano a risparmi energetici 8 volte superiori a quelli conseguiti con tecnologie tradizionali.

FREESCO 1Un esempio è costituito proprio da Freescoo (Free Solar Cooling), un condizionatore d’aria compatto, alimentato ad energia solare per residenziale e terziario che, durante la stagione invernale, in condizioni di disponibilità di radiazione solare, può essere utilizzato anche con funzione di riscaldamento.

FREESCO 2 Presentato nel corso del workshop sull’utilizzo del calore solare e ambientale per la climatizzazione, svoltosi all’ENEA lo scorso 4 maggio, unisce integrazione, efficienza e risparmio, proponendosi come un’ottima alternativa all’impiego di combustibili fossili per ridurre sia la dipendenza energetica che le emissioni di gas serra.