Fumo: crolla la sigaretta elettronica, scelta solo da 1 su 100

MeteoWeb

Coloro che usavano abitualmente sigarette elettroniche nel 2013 erano circa 510 mila persone

Crolla l’uso della sigaretta elettronica in Italia: ormai solo un italiano su 100 la sceglie rispetto alle sigarette tradizionali. E’ quanto si legge nel Rapporto Annuale sul Fumo in Italia dell’Istituto Superiore di Sanita’ in collaborazione con l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri. “Gli utilizzatori – spiega il Prof. Silvio Garattini, Direttore dell’Istituto Mario Negri – sono passati dal 1,6% del 2014 all’1,1% del 2015 (nel 2013 erano il 4,2%)”. Coloro che usavano abitualmente sigarette elettroniche nel 2013 erano circa 510 mila persone (l’1% della popolazione), circa 255 mila (lo 0,5%) nel 2014 e circa 350 mila persone (0,7%) nel 2015. I consumatori occasionali erano 1,6 milioni nel 2013 (il 3,2% della popolazione), circa 550 mila (l’1,1%) nel 2014 e 200 mila (lo 0,4%) nel 2015. Gli utilizzatori della e-cig hanno mediamente 45 anni e sono soprattutto uomini (63,2%). In aumento rispetto allo scorso anno la percentuale di utilizzatori ultra 65-enni (12,2%). La e-cig piu’ utilizzata e’ quella contenente nicotina (60,8%) che viene acquistata soprattutto presso i rivenditori specializzati (61,1%). Tra gli utilizzatori della e-cig e’ aumentata quest’anno la percentuale di chi ha dichiarato di aver smesso di fumare le sigarette tradizionali (18,8% nel 2014, 30,1% nel 2015). Diminuisce invece anche quest’anno la percentuale di chi dichiara di aver ridotto leggermente o drasticamente il numero di sigarette fumate (41,8% nel 2014, 37,7% nel 2015). In aumento la percentuale di fumatori di e-cig che dichiara di non aver modificato le proprie abitudini tabagiche, aggiungendo quindi l’uso della e-cig allo stesso numero di sigarette tradizionali fumate (25,1% nel 2014 33,5% nel 2015). L’86,0% degli ex utilizzatori di sigaretta elettronica ne ha fatto uso al massimo per 6 mesi. Altri dati, forniti dall’industria delle e-cig, confermano la contrazione nell’utilizzo della sigaretta elettronica: i punti vendita specializzati sono passati da 3.000 nel 2013 a 1.200 nel 2014.