Geologi: il protocollo d’intesa un’ulteriore svolta nel processo di messa in sicurezza del territorio

MeteoWeb

“E’ necessario che le opere vengano progettate in tempi sicuri e soprattutto nella piena trasparenza degli incarichi”

“Garantire trasparenza nell’affidamento degli incarichi per la realizzazione delle opere utili alla mitigazione del rischio idrogeologico è un’ulteriore svolta nel processo di messa in sicurezza del territorio”. Lo ha affermato poco fa Gian Vito Graziano, Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi commentando la firma del Protocollo d’intesa avvenuta oggi a Palazzo Chigi tra Ministero dell’Ambiente, Ministero delle Infrastrutture, Italiasicura ed Autorità Nazionale Anticorruzione per monitorare e vigilare sugli interventi e le opere contro il dissesto idrogeologico.
“E’ necessario che le opere vengano progettate in tempi sicuri e soprattutto nella piena trasparenza degli incarichi – ha concluso Graziano – al fine di contrastare fenomeni di corruzione ai quali abbiamo assistito troppe volte in Italia come ampiamente riportato anche dalle cronache recenti. Per mettere in sicurezza il territorio c’è bisogno di tempi certi, procedure semplici e progetti fatti bene. Migliorare la qualità dei progetti è uno dei prossimi obiettivi della struttura di missione Italiasicura, al quale si sta intensamente lavorando. Elevati standard di qualità aiutano ad allontanare la probabilità che avvengano fenomeni corruttivi e soprattutto consentono di realizzare opere utili. Troppe volte i fenomeni di corruzione si sono accompagnati alla realizzazione di opere inutili e persino dannose”.