La Cina continua a costruire grosse isole artificiali tra Pacifico e mar Cinese Meridionale

MeteoWeb

La Cina sta proseguendo il progetto di costruzione di grandi isole di sabbia artificiali fra il mar Cinese Meridionale e l’oceano Pacifico. Si tratta di grandi opere ingegneristiche che stanno consentendo ai cinesi di poter, in futuro, installare nuove basi aeronavali della Marina cinese, sostenendo che tali progetti sono necessari per salvaguardare la propria sovranità. Alcune di queste isole sarebbero già complete. Queste isole rappresenterebbero, per i cinesi, una estensione verso il mare aperto delle isole Spratly. Osservate dall’alto sembrerebbero degli atolli, ma con all’interno delle installazioni militari e postazioni della Marina. Ma da alcune immagini satellitari riprese da aerei spia statunitensi, transitando sopra l’arcipelago “artificiale”, si nota molto chiaramente la presenza di due moli, una pista per elicotteri e una torre poco riconoscibile, probabilmente utilizzata dalla Marina di Pechino per sorvegliare l’area. Secondo il Jane’s Defence Weekly le immagini dimostrano che sul posto sono ancora in costruzione nuove strutture. Altre due isole artificiali sono in costruzione su altrettanti pezzi di terra delle Spratly, chiamati Johnson South Reef e Gaven Reefs.