Maltempo Genova: donna ferita da pezzo di marmo, “viva per 1 centimetro”

MeteoWeb

Il calcinaccio, del peso di decine di chili, fortunatamente non l’ha colpita alla testa

“Un centimetro, forse due in piu’, e mia moglie sarebbe morta. Chi aveva la responsabilita’ della manutenzione di quel palazzo ne deve rispondere”. E’ un mix di rabbia e sconcerto lo stato d’animo del marito della genovese di 49 anni rimasta colpita oggi pomeriggio da un pesante blocco di marmo che si e’ staccato dallo stabile al civico 11 di via Roma, in pieno centro, proprio di fronte al palazzo della Prefettura, l’ha colpita a una spalla mentre aspettava l’autobus. Il calcinaccio, del peso di decine di chili, fortunatamente non l’ha colpita alla testa. La donna e’ stata trasportata in codice giallo al pronto soccorso dell’ospedale Galliera dove si trova ricoverata. E’ stata sottoposta ad una serie di accertamenti ed interventi chirurgici per la riduzione delle fratture provocate dall’impatto: “Sto bene – ha spiegato al marito – ma e’ stato uno spavento incredibile. Ho rischiato davvero di morire”. Secondo quanto ricostruito, la donna, che lavora come impiegata, era uscita per andare a fare la spesa: “Mi ha chiamato – ha spiegato il marito – dicendomi che sarebbe tornata puntuale per pranzo. Poi non ho saputo piu’ nulla fino a quando mi e’ arrivata la telefonata dell’ospedale”. “Abbiamo sentito un tonfo – hanno spiegato alcune commesse che hanno assistito all’accaduto – ed abbiamo visto la donna a terra. Fortunatamente e’ stata colpita alla spalla altrimenti quel pezzo cosi’ pesante l’avrebbe uccisa”. E’ possibile che il marmo che reggeva una porzione del terrazzo si sia staccato a causa del maltempo che nelle ultime ore ha colpito Genova oppure per una scarsa manutenzione. Sull’accaduto e’ stata aperta un’inchiesta da parte dei vigili urbani del primo distretto e della polizia. Secondo quanto accertato il terrazzo da dove si e’ staccato il blocco appartiene ad un ufficio dismesso di proprieta’ della Regione Liguria. All’interno ha avuto spazio la sede dell’agenzia di promozione turistica “In Liguria”. La stessa Regione ha fatto sapere di aver programmato e compiuto nello stabile i regolari interventi di manutenzione. L’amministratore del condominio sara’ sentito dalla polizia municipale per spiegare quali interventi siano stati compiuti nello stabile. La strada e’ rimasta chiusa oltre due ore sia alle auto sia ai pedoni per le verifiche di sicurezza dello stabile.