Maltempo in Piemonte: sopralluoghi per lo “stato d’emergenza”

MeteoWeb

Il Ministro dell’Ambiente Galletti “tenace lo sforzo del Governo nel contrasto al dissesto in queste zone come in tutta Italia”

“I funzionari del Dipartimento di Protezione Civile, da oggi e fino al giorno 8, effettueranno i sopralluoghi nei territori” del Piemonte colpiti dal maltempo tra febbraio e marzo scorsi, “per valutare la sussistenza dei requisiti per la delibera dello stato di emergenza”. Lo ha detto il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, durante il question time alla Camera, in merito alla “piu’ recente ondata di maltempo nelle provincie di Asti e Cuneo, a febbraio e marzo 2015, per la quale la Regione ha chiesto la delibera dello stato di emergenza, inviando il 29 aprile successivo un rapporto evento con il quale sono stati descritti i fenomeni, le criticita’ e gli effetti al suolo, con riserva di inviare un rapporto definitivo essendo in corso le stime dei danni”. Galletti ha ricordato che il suo Ministero “ha sottoscritto con le regioni specifici accordi di programma che individuano e finanziano gli interventi prioritari: quello del 17 novembre 2010 con la Regione Piemonte prevede oltre 112 milioni di euro per la realizzazione di 238 interventi, e il finanziamento statale e’ stato riquantificato in euro 65 milioni e 670 mila euro, riducendo i relativi interventi a 217, mentre i restanti 14 sono stati posti in fase programmatica”. In particolare, “per la Provincia di Cuneo sono stati previsti 59 interventi per 19,9 milioni, di cui 52 finanziati per 17 milioni e 780mila euro”, ha precisato il ministro, per il quale “sono numeri che confermano il tenace sforzo del governo nel contrasto al dissesto in queste zone come in tutta Italia, attraverso una seria programmazione, procedure piu’ semplici e risorse certe”.