Nuovi super microscopi, potenza “atomica” grazie al freddo

MeteoWeb

Si tratta di un nuovo passo in avanti per la cosiddetta crio-microscopia elettronica

La nuova generazione dei super microscopi e’ ‘amica’ del freddo e ha una potenza tale da vedere i dettagli atomici dei farmaci mentre attaccano i loro bersagli molecolari. Si tratta di un nuovo passo in avanti per la cosiddetta crio-microscopia elettronica (cryo-Em), una nuova tecnologia che promette di rivoluzionare la ricerca sui farmaci. Un gruppo di ricerca guidato da Sriram Subramaniam del National Institutes of Health (Nih), negli Usa, descrive su Science Express come e’ riuscito a filmare l’azione di un enzima con una risoluzione record di 2.2 miliardesimi di metro. “Rappresenta una nuova era nella visualizzazione delle proteine umane e avra’ enormi ricadute per la progettazione di farmaci”, ha spiegato Francis Collins, direttore di Nih. Si tratta dei nuovi microscopi cryo-Em, uno dei piu’ potenti strumenti per guardare quello che succede durante le reazioni chimiche, e i miglioramenti della tecnica – come quello fatto dai ricercatori di Nih – potrebbero rivoluzionare il mondo della ricerca di farmaci. Il primo successo e’ arrivato congelando in un ‘flash’ (usando azoto liquido a -200 gradi centigradi) una piccola proteina batterica mentre si trova nel suo ambiente naturale e viene ‘legata’ da un farmaco che ne blocca l’azione. Il filmato realizzato con 40.000 immagini ad altissima risoluzione ha permesso di guardare la reazione con una precisione senza precedenti. La potenza di questo nuovo strumento e’ proprio nel vedere a livello quasi atomico la struttura delle proteine, cio’ permette di modellare nuove molecole che possono ‘aderire’ perfettamente al bersaglio in modo da modificare a piacimento il comportamento delle proteine.