Nutrizionisti e chef ribadiscono: “il pesto va fatto con il burro”

MeteoWeb

In 10 punti il “Manifesto di liberazione dai pregiudizi sul burro”

Dopo decenni sul banco degli imputati per il contenuto di grassi, arriva ora il momento del riscatto del burro. Con tanto di Manifesto, firmato dal Movimento della liberazione dai pregiudizi sul burro col sostegno di diversi brand dell’industria alimentare, che rivendica quanto il burro sia un alimento naturale; un prodotto sano, digeribile e prezioso per la salute; il contenuto di vitamine A, D, K, E; e soprattutto che questa crema ricavata dal latte di vacca e dal siero ”ha un apporto calorico contenuto” e ”non fa aumentare il colesterolo”. A ‘Tuttofood’, nei giorni scorsi alla Fiera di Milano-Rho, nutrizionisti, studiosi, esperti di cucina e chef stellati hanno concordato sulla necessita’ del ritorno in tavola un alimento prezioso per l’organismo e ne decretano la riabilitazione.

2015050901854802625”Il burro e’ piu’ che mai parte della dieta mediterranea” spiega Pierluigi Rossi, medico specialista in Scienza dell’Alimentazione, nel sottolineare che ”e’ un’emulsione di acqua e molecole lipidiche. E’ un alimento ben digeribile, con pochissimo lattosio ed e’ uno dei pochi alimenti – prosegue Rossi – a contenere la vitamina D che agisce sull’integrita’ delle ossa, con un ruolo guida sul sistema immunitario”. Dal punto di vista nutrizionale, una porzione di 10 grammi di burro fornisce meno calorie rispetto alla stessa dose di olio extra vergine di oliva: 75 calorie il burro, 90 calorie olio. Il motivo? Il burro, essendo un’emulsione, contiene circa il 15% di acqua, mentre nell’olio non c’e’ acqua. Lo chef Davide non fa mistero che per friggere la sua cotoletta di filetto di fassona usa 150/200 etti di burro a porzione. Lo stesso accade al Sud, si pensi all’ampio utilizzo di burro nella sua cucina la napoletana Marianna Vitale, eletta dalla Guida dell’Espresso cuoca dell’anno 2015. Da ultimo, Davide Oldani che ha sottolineato come la preparazione del pesto necessiti dell’uso del burro.