Ondata di caldo, il cardiologo: acqua, pochi grassi e molta verdura

MeteoWeb

Per contrastare l’ondata di caldo in arrivo, il cardiologo consiglia anche di cambiare le abitudini alimentari

Temperature da fare invidia al mese di luglio: sono quelle che arriveranno nel centrosud nei prossimi giorni, cogliendo impreparate soprattutto le categorie più deboli, come bambini ed anziani, “che sono come sempre i soggetti più a rischio”, spiega all’Adnkronos il professor Antonio Rebuzzi. Secondo il cardiologo dell’Università Cattolica di Roma, infatti, il rischio che corrono questi soggetti “è legato soprattutto al fatto che il caldo li colga impreparati e continuino con le loro abitudini”.

caldoI bambini “sono gestiti dagli adulti e sono più fragili. Vanno esposti poco al sole e idratati a sufficienza. Gli anziani invece – prosegue Rebuzzi – che hanno difficoltà a sentire la sete, devono bere molto e soprattutto devono assumere bevande che contengano sali minerali, la cui perdita, dovuta all’eccessiva sudorazione, può causare aritmie e problemi cardiovascolari. Inoltre, gli ipertesi che assumono dei farmaci, devono ridurne il consumo perché il caldo agisce come un vasodilatatore e riduce la pressione”. Per contrastare l’ondata di caldo in arrivo, il cardiologo consiglia anche di cambiare le abitudini alimentari: “Bisogna diminuire drasticamente il consumo di cibi grassi, come carni, formaggi e insaccati in favore di frutta e verdura, alimenti che contengono liquidi e sali minerali”, conclude Rebuzzi.